cerca

E i medici in galera!

Ogni giorno viene intentata una causa penale a carico di un dottore e nella maggior parte dei casi finisce con l'archiviazione. Perché la colpa è anche dei politici bercianti e No Competenza

9 Ottobre 2018 alle 06:01

E i medici in galera!

Il ministro Grillo in visita all'ospedale del Mare a Napoli. Foto LaPresse

Uno legge un titolo: “Sanità: Grillo, basta con i medici usa e getta” e pensa: toh, è tornato il vecchio comico, che oltre a non ricordarsi di aver ceduto in comodato d’uso il simbolo del Cinque stelle alla piattaforma lunare Rousseau, non si ricorda manco più di essere stato per un decennio a capo di un’orda barbarica che della medicina (quella ufficiale, cioè normale) ha sempre detto vaffa e corna. Poi ti accorgi che trattasi di Grillo Giulia, il ministro della Salute, quella di vaccino sì ma anche no, e i conti tornano anche peggio. Di quel che ha prodotto un decennio di sospetto contro la casta dei medici ci ha reso edotti ieri il procuratore aggiunto milanese Tiziana Siciliano, che si occupa di “ambiente, salute e lavoro”: “Noi abbiamo avuto fra lesioni e omicidi colposi da colpa medica 300 fascicoli iscritti in un anno nel 2017, in pratica ogni giorno viene intentata una causa penale a carico di un medico”. Un numero esorbitante di denunce che ha definito una “patologia” e che nella maggior parte finiscono archiviate. Ma il peggio è questo: “Noi ci rendiamo conto che alcune di queste cause sono solo strumentali, per accorciare i tempi dei risarcimenti civili e perché il penale muove le coscienze”. Il penale muove le coscienze: ecco. Più galera per tutti, medici compresi. “Anche la classe forense una piccola responsabilità ce l’ha”, ha concluso. Noi aggiungeremmo: e pure i politici bercianti e No Competenza. Meno male che almeno i decreti legge li scrivono col cuore. Almeno si può sempre chiedere al cardiologo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ilgimmi62@alice.it

    ilgimmi62

    09 Ottobre 2018 - 12:12

    Caro Crippa, lei scrive sempre molto bene, con acume, non ultimo l'artico di ieri sulla vicenda veronese. Ma non si accodi con superficialità alla versione tristemente fogliante del No competenza. Dire di 300 fascicoli uguale uno al giorno è una "bestiata giornalistica". Non interrogarsi sulle motivazioni per cui un risarcimento civile impiega lustri per giungere a giudizio è ipocrita. Non farsi una piccola riflessione sulla relazione medico/paziente e sui deliri di onnipotenza degli uni e sulle aspettative salvifiche degli altri è assai superficiale. Infine dovrebbe sapere che la "MedicinaUfficialecioèNormale" esiste solo nel nei peggiori incubi totalitari. La medicina nella storia dell'Uomo è un'Arte - l'Arte Medica, appunto - e sono sempre esistite molteplici forme di cura. Si ricordi del suo morbillo quand'era bimbetto e comprenderà come strumentalizzare il tema medico sia follia pura, operazione che anche questo giornale purtroppo sta sostenendo. Cordialmente

    Report

    Rispondi

Servizi