Cose belle da fare ora che il Foglio chiude

La Lista è l’ancora di salvezza. Ma alla fine c'è solo una cosa importante davvero

13 Luglio 2018 alle 21:51

Cose belle da fare ora che il Foglio chiude

Foto Pixabay

Cose belle da fare ora che il Foglio chiude. Arriva, prima o poi, una mattina così. Senso di smarrimento e insieme di liberazione, ma sarà capitato anche a voi, pure senza Rocco Casalino. Guardi il notes e la bic sulla scrivania, la Lista è l’ancora di salvezza: ecco le cose che ho sempre voluto fare ma non c’era mai tempo, poi ti volti a guardarle e non le trovi più. Coraggio: “Cose belle che posso fare ora che finalmente il Foglio chiude”.

 

Prima quelle vere, che farei. Tipo imparare a suonare la chitarra elettrica, una Gibson Les Paul degli anni Sessanta, ovviamente; giocare a bocce coi vecchietti al pomeriggio al Parco di Monza; leggere finalmente Il Grande Sertão di João Guimarães Rosa.

 

Poi boh, qualcuna di quelle che ci sono negli appositi elenchi sul web, anche particolarmente cretine o buffe, ma perché poi? forse sono fantastiche. Esempio: “Nuotare con i maialini a Exuma” o “mangiare il panuozzo a Gragnano”.

 

Per depistare, metti anche le cose che non te ne frega nulla, ma sono obbligatorie per fare la figura di quello al passo col sentimento del proprio tempo: come leggere finalmente Elena Ferrante (almeno uno); recuperare tutte le stagioni di Homeland; iscriversi a un circolo del Pd non del centro storico per testimoniare che c’è ancora un ceto medio riflessivo.

 

Ma alla fine, eccola, l’unica cosa che davvero avresti voglia di fare, e varrà la pena fare: riguardare in streaming la prima edizione del Grande Fratello, per ricordarmi che già allora pensavo che Rocco Casalino fosse il più pirla di tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi