cerca

Ah, se il Cav. avesse continuato a fare il presentatore

Per vent’anni avete pensato che Berlusconi fosse un leader politico. Invece è un presentatore della televisione. Il più bravo

13 Aprile 2018 alle 06:29

Ah, se il Cav. avesse continuato a fare il presentatore

Foto LaPresse

Vi eravate dimenticati chi è Silvio Berlusconi? Forse sì, per vent’anni avete pensato che fosse un leader politico. Invece è un presentatore della televisione. Il più bravo. Quello che ha insegnato il mestiere pure a Mike Bongiorno, e l’ha convinto a vendere prosciutti e materassi come se fossero quiz, e viceversa. Ieri, uscito il centrodestra dalle consultazioni “plasticamente unito”, @LiciaRonzulli dixit, ha lasciato parlare Salvini che sembrava un concorrente del Rischiatutto, poi l’ha spostato dal microfono e ha lisciato da par suo il pubblico della conferenza stampa: “Mi raccomando fate i bravi… Sappiate distinguere tra chi è un vero democratico e chi non conosce neppure l’abc della democrazia. Sarebbe ora di dirlo chiaramente a tutti gli italiani”. Sarebbe ora. Se avesse continuato a fare il Bravo Presentatore, come diceva Frassica, invece di lasciare per un decennio le serate del Biscione in mano ai televenditori del populismo, forse adesso si godrebbe il governo senza dover ricominciare da zero, come ai tempi di Telemilano, a predicare la democrazia (di mercato) agli italiani. Corre voce che voglia dare una rassettata alla piazza mediatica di sua competenza, facendo fuori i suoi alfieri, da Del Debbio a Belpietro e forse pure Mario Giordano. Quei loro urlacci hanno fatto guadagnare voti al Matteo sbagliato, mica a quello che debuttò alla Ruota della Fortuna, e ai grillacci. Corre voce, perché poi è l’audience che fattura. Chissà, sarebbe bello vederlo al posto di Carlo Conti a rifare la Corrida. Ma quando i tori sono scappati, è un bel casino riprenderli per le corna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • jerrypummarola

    13 Aprile 2018 - 09:09

    Dottor Crippa, non so se il suo articolo è serio, ma si direbbe che lei dà un'importanza eccessiva al potere della televisione. In questo modo, cade nello stesso errore di quanti urlavano alla dittatura televisiva nel 1994: Berlusconi, già proprietario di tre reti, "prendendosi" le tre reti RAI, avrebbe dominato incontrastato sull'Italia per decenni...altro che Mussolini. Sappiamo come è andata a finire: da quell'anno, ogni vincitore delle elezioni occupava il TG1 ecc. e poi alle elezioni successive perdeva. Temo che la vittoria di M5S e Lega derivi da fattori atavici: ribellismo inconcludente, poca voglia di pagare le tasse e di rispettare la legge, ossessione anti-americana ... e di alcuni nuovi: mancanza di rispetto nei confronti dell'autorità culturale e scientifica, "uno vale uno", e magari i Troll di Putin.

    Report

    Rispondi

Servizi