cerca

E i furbi, come sempre, non affogano (slogan politico)

Perché Alfano e Pisapia hanno annunciato il loro forfait? Il segreto sta in un vecchia canzone. E nel fatto che la prossima legislatura sarà un giro in pattino a vuoto

7 Dicembre 2017 alle 06:00

E i furbi, come sempre, non affogano (slogan politico)

L'Aula del Senato (foto LaPresse)

“Intanto fanno il bagno a Cesenatico / E i furbi come sempre non affogano”. E’ una vecchia canzone, trasmigrata in proverbio italico, su musica di Renato Pareti. Ma chissà se abbia un qualche significato il fatto che le parole fossero di Roberto Vecchioni, buon amico di Giuliano Pisapia, nel giorno del gran rifiuto dell’ex sindaco arancione. Ma la poesia ha un valore universale, e “i furbi come sempre non affogano” è un brocardo politico, si addice a tanti. Ad Angelino Alfano, of course, che ha scelto proprio il giorno in cui al Senato s’è deciso di votare la legge sul fine vita (do you remember il mitico “faremo un referendum”, contro il ddl Cirinnà?) per trovare nel fondo delle tasche parole intense, da filosofo esistenzialista: “Ritengo ci siano dei momenti in cui vadano fatti dei gesti”, “si può fare politica anche fuori dal palazzo, c’è una vita fuori dal palazzo e io me ne riprendo un pezzo”. O per meglio, dire parole alla Dibba. Ma non è questo il punto, in fondo. Il “grazie prego scusi tornerò” di Pisapia e di Alfano è l’ultimo in ordine di tempo. Ci sono altri politici, come sappiamo, e magari più sulla cresta dell’onda, che hanno annunciato o fatto capire che – al prossimo giro elettorale – daranno forfait. E il motivo non è esistenziale, né di nobile scoramento per la deriva della sinistra. E’ che sanno che il prossimo Parlamento rischia di essere un giro in pattino a vuoto. E i furbi, come sempre, non affogano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi