cerca

La cosa più brutta è perdere contro una squadra allenata da Mazzarri

Il vero dramma è che l'Inter di "Sun Tsu" Spalletti è stata battuta dal re dei piagnoni e dei recriminatori

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

10 Aprile 2018 alle 11:48

La cosa più brutta è perdere contro una squadra allenata da Mazzarri

Walter Mazzarri (foto LaPresse)

Perdere a Torino col Torino dopo 24 anni che non capitava; perdere contro una squadra che ha fatto un tiro in porta per merito di uno svarione difensivo che nemmeno la Roma quando va al Camp Nou; perdere dopo aver sbagliato in attacco tutto quello che si può sbagliare in un campionato; perdere perché a Luciano Spalletti, il Sun Tzu di Appiano Gentile, gli è sembrato che Rafinha fosse un po’ stanchino (come Beppe Grillo) per giocare, e ha messo Borja Valero, uno che anche a occhio nudo sembra uno stanco persino di vivere, tanto è malmostoso in campo. Ecco, perdere così è una cosa che può far felice @pierovietti o qualche altro mio amico granata. Buon per loro. Però ha il potere, come Jack Nicholson in Shining, di fare trasformare un bravo Bauscia in un cattivo ragazzo.

 

E allora, senza manco dover eccedere in cattiveria, solo l’evidenza dei fatti, la cosa più brutta è perdere contro una squadra allenata da Mazzarri, di gran lunga il peggior allenatore passato dall’Inter negli ultimi quarant’anni. Il re dei piagnoni e dei recriminatori, che non a caso mette in campo squadre piagnone e recriminatorie, più noiose di Ballando con le stelle, e che nella Milano con i colori della notte è ricordato solo per le sue scuse patetiche, tipo: “I ragazzi che hanno giocato oggi più o meno hanno giocato cinque partite ogni due giorni”, o “c’era caldo e si veniva dalla Russia che faceva freddo”, fino all’inescusabile “poi è cominciato anche a piovere”. Ecco, questo pezzo d’uomo, domenica quasi non voleva stringere la mano a Spalletti, poi ha detto: “Una rivincita? Io non ho da prendermi nessuna rivincita, i fatti si commentano da soli. Non ho bisogno di dimostrare niente dopo 15 anni di panchina. Ha vinto una Coppa Italia col Napoli, in quindici anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi