Caro Rizzoli, il rigore è una cosa seria

Il designatore degli arbitri di Serie A si è arrampicato su scivolosi specchi per spiegare in televisione perché alla Juventus sia stato concesso un rigore inesistente domenica scorsa

10 Aprile 2018 alle 11:21

Caro Rizzoli, il rigore è una cosa seria

Nicola Rizzoli (foto LaPresse)

Il sottoscritto pensa che gli arbitri non dovrebbero mai e poi mai comparire davanti alle telecamere per spiegare la ratio (se c’è) delle decisioni prese sul campo. Non ne hanno bisogno. Dopotutto, i giudici giudicano in Aula, emettono la sentenza, scrivono le motivazioni e – di solito – tacciono. Non vanno a “Un giorno in Pretura” raccontando il perché il per come hanno deciso in una data maniera. Gli arbitri una volta restavano muti. Alzavano cartellini, fischiavano rigori, cacciavano allenatori e non si sentivano in dovere di dare spiegazioni a Caressa, Ilaria D’Amico o Pistocchi. Quando l’hanno fatto, l’hanno fatto male o dopo anni (il caso di Piero Ceccarini che a distanza di vent’anni insiste sul fallo di Ronaldo su Iuliano è l’esempio perfetto). Domenica sera, ospite a Sky, Nicola Rizzoli se l’è cavata bene. Serio, con battute pronte, didascalico. Peccato che poi si sia arrabattato come poteva, arrampicandosi su scivolosi specchi, dovendo spiegare perché alla Juventus sia stato concesso l’inesistente secondo calcio di rigore contro il Benevento. Il designatore della serie A ha riguardato le immagini e ha messo le mani avanti come meglio non avrebbe potuto fare: ognuno – ha più o meno detto – ha una sua idea in merito sul fatto che il difendente giallorosso abbia colpito Higuaín o che quest’ultimo abbia fatto un tuffo come neanche la miglior Tania Cagnotto. Più che altro, non ha convinto la giustificazione sul perché il fischietto Pasqua non abbia fatto ricorso al Var. Rizzoli ha detto che trattavasi di decisione soggettiva dell’arbitro, che ha visto un contatto e quindi lo strumento non poteva intervenire. Ohibò. Ma se la “decisione soggettiva” è errata, che si fa? Si definisce dogma di fede l’errore? Una volta, anni e anni fa, ai ragazzi che frequentavano i corsi per diventare arbitri, i vegliardi istruttori ricordavano sempre una cosa: “Oh, il rigore è una cosa seria eh”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • furlaninterfan

    18 Aprile 2018 - 06:06

    Dopo Inter Cagliari è evidente che per Pasqua nemmeno il VAR serve a correggere un errore macroscopico, nemmeno quando la decisione è ininfluente ai fini del risultato. Si tratta della 'sindrome di Ceccherini': il cervello vede quello che vuol vedere.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    10 Aprile 2018 - 11:11

    La Giuventus ,oh cara,è da sempre la Signora squadra di Italia e deve essere trattata in ogni occasione con servile riguardo. Lo hanno affermato molti anni fa Bettega e qualche anno fa Marotta. Riferendosi ai non brillanti risultati in Europa dello squadrone italiano,entrambi i due hanno detto" la Juve all'estero non è protetta" . La logica più elementare deduce che in Italia dunque lo è . Oremus.

    Report

    Rispondi

Servizi