I viaggi in Messico di Josef Albers e Pittsburgh raccontata da W. Eugene Smith

A Venezia e Bologna due mostre da visitare nel weekend

30 Giugno 2018 alle 06:00

I viaggi in Messico di Josef Albers e Pittsburgh raccontata da W. Eugene Smith

Uno guarda, legge, cerca di farsi un’idea. Poi si imbatte in artisti come Josef Albers e capisce che tutto andrebbe imparato da capo. Maestro del Bauhaus, cercò di riprodurre, con opere astratte, la bellezza delle geometrie filosofiche medievali ispirandosi alle rovine delle civiltà precolombiane. La mostra di Venezia documenta, con materiale inedito, il frutto dei suoi molti viaggi in Messico. Appunti, foto-collage, opere su carta. Un percorso eccentrico, solitario, libero. Il cui approdo sono tavole che vibrano come fondi oro. Il garbo e il pudore antico della sua ricerca cromatica dicono di una pietas difficile da trovare in un pittore del Novecento.

Venezia, Peggy Guggenheim Collection. “Josef Albers in Messico”. Fino al 3 settembre

info: guggenheim-venice.it

 

  


  

I fondamentalisti del reportage umanistico (quelli che solo il bianco e nero è intelligente) non perderanno l’occasione. Ma anche agli altri la visita alla mostra di W. Eugene Smith insegnerà qualcosa. Il nero assoluto, profondo come una notte senza alba, in cui bruciano le luci degli altiforni della Pittsburgh degli anni Cinquanta, racconta un abisso di fatica e umanità che sfugge alle definizioni sociologiche. Ma non scordiamoci un fatto: è proprio in quella città plumbea, solo pochi anni prima, che si accese la teoria di colori che riempirono la mente, la vita e le opere del suo cittadino più celebre: Andy Warhol.

Bologna, Fondazione MAST. “W. Eugene Smith: Pittsburgh. Ritratto di una città industriale”. Fino al 16 settembre

info: mast.org

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • manfredik

    01 Luglio 2018 - 07:07

    Se passate negli States andate a vedere Pittsburgh, merita. La città industriale non c'è più, (per fortuna?); la popolazione è dimezzata rispetto al 1930, ma i castori fanno le dighe alla confluenza dei due fiumi (dai nomi impronunciabili) che formano l'Ohio river. Rimangono un paio di università (Carnegie con Nobel, Simon), un distretto del biomedicale, un centro di ricerca di Google e le facciate delle case in ghisa (restaurate) in centro. Si vive benissimo, non c'è disoccupazione, e il costo della vita è la metà (o meno) che nella East Coast. Molto è stato merito di un sindaco trentenne. A 90 km di auto trovate (con qualche difficoltà in mezzo al niente) la casa sulla cascata di Wright. A 250 km mangiate dagli Amish, e riscoprite il pollo arrosto vero.

    Report

    Rispondi

Servizi