cerca

Voi mandate ancora cartoline?

Un'arte che fa molto anni Novanta.

Segui Piero Vietti su Twitter

4 Agosto 2011 alle 16:38

Ci pensavo leggendo questo articolo di Charles Simic sul New York Review of Book: saranno anni che non spedisco più una cartolina ad amici e parenti (e che non ne ricevo). In effetti la cartolina fa molto anni Novanta, sembra roba vecchissima, superata da mail, mms e compagnia bella. Il francobollo poi mi fa lo stesso effetto che mi fa vedere una partita di calcio del 1989 su ESPN Classic: lentezza impressionante.

Non voglio fare la retorica dei bei tempi andati cancellati dalla fredda macchina internettara, feisbucchiana e twitterara (io poi odiavo mandare cartoline, mi sembrava una cosa dovuta; salvo rari casi lo facevo sempre l'ultimo giorno scrivendo a raffica la stessa frase a tutti – Ciao …, qui il tempo è bello e ci divertiamo tantissimo – che poi le ricevevano quando io ero già tornato). Riconosco però che scrivere cartoline possa essere un'arte, come dice Simic. Un'arte che, come certi lavori, non vuole però fare più nessuno (e in questo caso non vengono in soccorso manco gli extracomunitari). Ma dopo tanti anni avere un cassetto in cui le posso conservare e rileggere è certamente più bello che cercare vecchi messaggi sulla casella di posta elettronica, magari nella cartella dello spam; o, peggio, guardare chi mi ha taggato nelle foto delle sue vacanze insieme ad altre 150 persone a me sconosciute. Detto questo, non credo che manderò cartoline neanche quest'anno. Ma mi sarebbe tanto piaciuto farlo.

Segui Piero Vietti su Twitter

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi