cerca

Un altro bluff di Obama

Come resuscitare Copenaghen per dargli un'altra mazzata.

17 Novembre 2009 alle 13:45

Obama e Hu Jintao resuscitano – dopo averlo affossato – il summit sul clima di Copenaghen. Giusto per dargli un'altra mazzata, forse più letale di prima. Probabilmente resosi conto della figuraccia mondiale che stava facendo dopo aver detto che a Copenaghen non si sarebbe deciso nulla sul clima, il verde presidente americano ha spiegato che no, in effetti alla conferenza sul clima di dicembre "il nostro scopo non è di ottenere un'intesa parziale o una dichiarazione politica, ma piuttosto un accordo che riguardi tutte le questioni su cui si andrà a negoziare e che abbia immediato effetto operativo".

Cioè? Aria fritta, al solito. Lo spiega su Repubblica Federico Rampini: dopo le proteste europee ecco arrivare una dichiarazione piena di belle parole. Peccato che Cina e America siano disposte a trovare sì un accordo, ma "non vincolante". Certo, Hu e Barack pensano sia necessario "agire per una riduzione significativa delle emissioni di gas serra e per rispettare questi impegni", ma senza un tetto stabilito questo impegno vuole dire tutto e niente, un classico degli accordi sull'ambiente da qualche anno a questa parte. Naturalmente, i limiti vincolanti saranno stabiliti nel prossimo incontro. O forse in quello dopo.

Piero Vietti

Piero Vietti

Nato a Torino nel 1981. Caporedattore, ha seguito e segue lo sviluppo digitale del Foglio, in cui lavora dal 2007. Ha un passato teatrale e radiofonico e un presente intenso. Per il futuro si sta organizzando con la necessaria ironia. Sposato, ha tre figli. Cuore granata.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi