cerca

Quel che il coronavirus non cambia tra uomo e natura

Riflessioni sull'investimento di una lupa a San Michele all'Adige

26 Marzo 2020 alle 17:03

Quel che il coronavirus non cambia tra uomo e natura

Foto tratta dalla pagina Facebook Provincia autonoma di Trento - Pagina Ufficiale

Buonasera, sono una lupa di Trento. Avrei potuto essere una lepre di Milano, che corre indisturbata fra gli alberi dei parchi rimasti deserti dopo la crociata contro i runner. Avrei potuto essere un delfino di Cagliari, che sguazza felice avvicinandosi al porto ora che l’attività navale è ridotta al lumicino. Avrei perfino potuto essere un cinghiale di Roma, che si avventura col suo branco a rovistare fra i rifiuti accatastati lungo strade che già normalmente l’amministrazione lascia selvatiche, figuriamoci durante l’emergenza.

  

Per gli ottimisti, avrei potuto essere la dimostrazione che la natura riconquista finalmente i propri spazi, quando la smania di dominio dell’uomo sull’ambiente trova un argine che la contenga e la sgonfi. Per i pessimisti, avrei potuto essere la dimostrazione che in natura il gioco fra uomo e animale è a somma zero, o stiamo bene noi o state bene voi.

  

Invece sono una lupa di Trento che, non avvertendo nessun rumore né alcuna luce provenire da fondovalle, si è spinta fuori dal suo habitat fino alla strada deserta: e allora, proprio allora, è passata l’unica macchina e mi ha investita. A dimostrazione che la natura non è né buona né cattiva, non ha logica né senso; a dimostrazione che la natura non ha nulla da dimostrare. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ayler

    27 Marzo 2020 - 10:14

    Siamo rimasti ai pensierini delle elementari. Ancora uno sforzo e arriviamo ai temi.

    Report

    Rispondi

Servizi