cerca

Perché la divisa unisex a scuola è l'antidoto all’uniformazione collettiva

La Priory School di Lewes ha scelto, come molte altre, di fare indossare un’unica divisa per gli alunni, sia a maschietti sia a femminucce. Ed è una decisione condivisibile

8 Settembre 2017 alle 18:30

Perché la divisa unisex a scuola è l'antidoto all’uniformazione collettiva

Ben venga la divisa unisex imposta ai nuovi alunni della Priory School di Lewes. Come da tradizione inglese, anche questa scuola del Sussex prevede che gli studenti si presentino a lezione in uniforme, con lo scopo statutario di “distinguere il tempo dello studio da quello del divertimento; preparare gli alunni al dress code richiesto nella vita lavorativa; non far sentire gli alunni giudicati in base all’abbigliamento; fornire un abito pratico per l’uso quotidiano e non determinato da mutamenti nella moda”. Tutto giusto, tutto condivisibile. La scelta di far indossare da questo mese ai neoiscritti un’unica divisa per maschietti e femminucce – camicia, cravatta, maglioncino col logo e pantaloni lunghi, con le dovute variazioni stagionali – è stata adottata in ottemperanza alle richieste dei genitori, pare, preoccupati che i propri figli venissero incanalati in opzioni pregresse proprio nell’età, decisiva ai fini della definizione della propria identità sessuale, che va dai sette anni all’adolescenza.

 

La motivazione è discutibile ma gli effetti saranno benefici. La via tracciata dalla Priory School dimostrerà infatti che la smania di garantire a ciascuno la piena libertà di definire a soggetto il proprio genere non porta alla differenziazione degli individui ma all’uniformazione collettiva; e che l’arbitrarietà del solipsismo è l’esatto contrario della libera scelta. Ben venga la divisa unisex: è un piccolo male per un grande bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    09 Settembre 2017 - 18:06

    Guardi la foto: tutti, maschi e femmine portano la medesima tipologia di indumenti ma ,cribio, tre indossano la mascolinità e altrettante la femminilità.La comparazione è visiva così come le divise. Se poi, il primo da sinistra (già da subito magari, anzichè fra qualche anno), mostrerà pulsioni sessuali verso il proprio sesso che importa aver la divisa o non averla unisex? Nessuna. La divisa, ricordo dalle suore all'asilo, avevo 3 anni e mezzo, tornai a casa e dissi alla mamma "quando ci mettiamo la testa sul banco per riposare io guardo Laura e lei mi guarda che vuol dire?": avevamo tutti il grembiulino bianco.Le ragioni della scuola, canoniche anglosassoni, hanno l'effetto di convergere all'uniformità della scuola in specie(appartenenza) e quella che si definisce nell'articolo : gli unici imbecilli paiono essere i genitori. Avranno, sicuramente votato "No Brexit" e a Londra.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Settembre 2017 - 12:12

    La civiltà di una nazione si connota anche per come vestono gli alunni per andare a scuola . In Inghilterra è tradizione che vestano in divisa ,una diversa per ogni istituto. L'Italia va orgogliosa dei suoi studenti che vestono come i figli dei profughi al momento della salvezza.Questo è vero comunismo.

    Report

    Rispondi

Servizi