cerca

L’uomo solo al comando non funziona

Perché una cosa è il coordinamento, o il controllo, mentre cosa diversa, e del tutto inaccettabile, è voler essere padroni del campo

12 Aprile 2018 alle 06:00

L’uomo solo al comando non funziona

Lino Banfi in una scena del film "L'allenatore nel pallone"

Speriamo che abbiano capito tutti, finalmente, che l’uomo solo al comando non funziona. Che indirizzare e promuovere l’azione soprattutto a partire da sé e dal proprio carisma, al di là delle immediate apparenze, danneggia in realtà il gioco democratico, non consente la partecipazione corale e tarpa le ali non solo alla crescita complessiva del gruppo, ma altresì ai talenti individuali impediti in tal modo di emergere. Speriamo che l’abbiano capita tutti, finalmente, la differenza che passa tra il legittimo esercizio della leadership, la quale consiste nell’essere primus inter pares, e il leaderismo, che è invece prepotenza, egocentrismo, imposizione di se stessi agli altri approfittando magari del lavoro di pochi mediani, vale a dire di un cerchio magico tanto fedele quanto privo di personalità. Perché una cosa è il coordinamento, o il controllo, mentre cosa diversa, e del tutto inaccettabile, è voler essere padroni del campo, principi dell’omaggio, icone adorate dalla plebe. È di Dzeko che sto parlando, teste di cazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi