cerca

Nel sangue degli italiani

Maurizio Molinari, la Stampa e "la sottospecie dell'Homo Sapiens", che modo brutalmente aggressivo di condurre una polemica

20 Gennaio 2018 alle 06:15

Nel sangue degli italiani

Come prima cosa, giù il cappello davanti a Maurizio Molinari, direttore della Stampa, circonciso honoris causa. Non credo come noi, essendo ciò possibile tecnicamente ma impossibile sentimentalmente, e che però è più bravo, più colto e infinitamente più utile di noi adepti. Come seconda cosa, complimenti per il servizio uscito ieri sul suo giornale a proposito delle straordinarie minchiate sulla “difesa della razza italiana”, pronunciate dal candidato leghista più civile, più evoluto e più presentabile che lo statista candidatissimo, il noto Salvini, abbia saputo scovare in Lombardia. Complimenti, là dove in particolare si spiega: “Nel sangue degli italiani scorrono geni provenienti dall’Anatolia, dal Corno d’Africa, dalla penisola scandinava, dalle steppe russe, dal Nord Africa, dal Medio Oriente e dall’India”. E detto tra noi, perfino da Savona. Tié. Ma al terzo punto, purtroppo una rampogna. Avendo letto: “Tra le Alpi e la Toscana (Torino e Pisa, ndr) sopravvivono addirittura porzioni del Dna dell’Uomo Cro Magnon, una sottospecie dell’Homo Sapiens”, beh, ci è sembrato questo, il suddetto riferimento alla sottospecie del Sapiens, un modo brutalmente aggressivo di condurre la polemica. Tanto con la signora Bonsanti che col professor Zagrebelskj.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi