La difesa di Trump sul Russiagate fa acqua, ma spunta una soluzione (disperata)

Tre repubblicani al Congresso sono pronti a presentare una risoluzione per chiedere al procuratore speciale Mueller di ricusarsi, in quanto impedito a giudicare imparzialmente

Email:

cicchetti@ilfoglio.it

La difesa di Trump sul Russiagate fa acqua, ma spunta una soluzione (disperata)

Il procuratore speciale Robert Mueller III, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate

Il presidente americano Donald Trump parte per un viaggio di dieci giorni in Asia, proprio mentre si trova forse nella fase di più profondo disagio dall’inizio della presidenza. La tempesta scaturita dall’inchiesta sulle interferenze della Russia nella campagna elettorale americana si sta alzando in fretta. L’indagine guidata dal procuratore speciale Robert Mueller ha ricevuto una notevole accelerazione nelle ultime settimane, con l’acquisizione di molti documenti interni alla Casa Bianca. E soprattutto con l’incriminazione di Paul Manaford – ex capo della campagna trumpiana – e del suo braccio destro, Rick Gates. Allo stesso tempo lo scafo della difesa di Trump non sembra essere esattamente pronto a navigare per mari in burrasca. L’ultima traballante trovata in reazione all’inchiesta la rivela oggi il Washington Post, che sostiene ci siano almeno tre repubblicani al Congresso pronti a presentare una risoluzione per chiedere a Mueller di ricusarsi, in quanto impedito a giudicare imparzialmente.

    

Eccola la pistola fumante di Trump

Garanzie e procedure sono importanti. Ma nella decomposizione demagogica americana un fatto non si può più negare: Trump ha fatto una campagna elettorale con l’aiuto di Putin. In attesa dei processi, le prove politiche esistono e sono queste

 

La risoluzione l’ha scritta il deputato conservatore Matt Gaetz, che si era già fatto notare per aver chiesto l'abolizione dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente. Gaetz accusa Mueller di avere un conflitto d’interessi perché era a capo dell'Fbi quando l'amministrazione Obama ha approvato un accordo che consentiva a un'impresa russa di acquistare un gruppo minerario canadese con interessi negli Stati Uniti. Si tratta dunque di una mossa che mira a delegittimare Mueller. E nasce dall’idea – quasi una boutade – del lobbista Roger Stone, consulente di lunga data di Trump, che all'inizio di questa settimana ha tentato di rimestare le acque intorno all'indagine del consigliere speciale, sfruttando lo scandalo Uranium One.

    

Il presidente Trump aveva già sollevato la questione per accusare Hillary Clinton di corruzione e collusione con una potenza straniera, nonostante le scarse prove di un coinvolgimento della leader democratica. Ma cos’è di preciso questo dossier? Nel giugno 2010, l’industria mineraria Armz Uranium Holding Co. – posseduta dalla Atomenergoprom, a sua volta parte di Rosatom, l’azienda di stato russa nel settore nucleare – cercò di acquisire la maggioranza di Uranium One, un’azienda con base a Toronto ma che svolgeva operazioni con l’uranio negli Stati Uniti. Poiché il minerale è considerato un asset strategico con implicazioni nella sicurezza nazionale, l'acquisizione era stata riesaminata da un comitato di nove agenzie governative, tra cui il Dipartimento di stato, allora diretto dalla Clinton. Il New York Times ha rivelato che, durante l'acquisizione, la fondazione del presidente di Uranium One ha fatto donazioni per 2,35 milioni di dollari alla Clinton Foundation. Le donazioni erano legali ma non erano mai state divulgate pubblicamente dai Clinton.

 

Torniamo ad oggi: che cosa c’entra Mueller in tutto questo? Lunedì scorso il consulente repubblicano Roger Stone ha rilasciato un’intervista al sito conservatore Daily Caller, subito dopo che il procuratore aveva annunciato le accuse a Manafort: "Mueller non può essere procuratore speciale quando lui stesso è sotto inchiesta", ha detto Stone. La chiave della contromossa trumpiana sarebbe dunque il fatto che Mueller, quando era a capo dell’intelligence interna, non avrebbe indagato a sufficienza sulla controversa decisione di consentire alla Rosatom di acquisire la quota di maggioranza della ditta canadese: “Mueller è colpevole di ostruzionismo e copertura in Uranium One”, ha attaccato Stone.

 

“La linea difensiva di Donald Trump dopo i primi colpi dell’inchiesta di Robert Mueller consiste nel minimizzare le accuse, attaccare le fake news ed esercitarsi nell’arte” del benaltrismo, abbiamo scritto su queste colonne. Ora la strategia si sposta sul terreno della delegittimazione. I precedenti tentativi di erodere la credibilità di Mueller evidenziando la sua amicizia con James Comey, suo successore di breve durata come direttore dell'Fbi, erano riusciti solo ad infastidire ulteriormente la base di Trump. Se gli avvocati del presidente gli hanno consigliato di lasciare che Mueller faccia il suo lavoro, accelerando un processo legale che sono convinti alla fine scagionerà il presidente, altri alleati di Trump lo stanno spronando a fare quello che gli viene meglio: attaccare a testa bassa. E alcuni credono di aver trovato un modo per costringere Mueller a dimettersi senza che sia la Casa Bianca a licenziarlo. Una mossa che non sarebbe ben vista dall’opinione pubblica, sebbene legittima – lo fece già Nixon con il procuratore Cox durante lo scandalo Watergate. E che aumenterebbe i sospetti, che già sono stati ventilati, di ostruzione della giustizia da parte di Trump.

   

I critici dicono che il piano dei tre deputati repubblicani è destinato a fallire. Ma il Congressman Gaetz lotterà per costruire un sostegno più ampio alla sua proposta, anche se ha ammesso che non si aspetta nessun appoggio dai democratici e molti repubblicani sostengono ancora il diritto di Mueller di fare il suo lavoro senza interferenze politiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    06 Novembre 2017 - 16:04

    Ancora silenzio sul documeto scoperto da Donna Brazile che rivela l`accordo tra Hillary e il DNC. Silenzio. Ancora silenzio sulla destinazione dell`Uranio venduto dagli USA ai Russi. Uranio che non doveva spostarsi dagli Stati Uniti. Ancora silenzio sull`inchiesta del 2009 fatta dall`FBI allora guidato da Mueller sulla corruzione dei Russi ,tangenti,riciclaggio e altre cose simpatiche,che volevano inserirsi nel mercato dell`Uranio. Silenzio-Silenzio- Silenzio. Solo le veline giustificative e farlocche democratiche trovano spazio, Perche Debbie Wassermann Schultz non ha mai voluto che il Computer del DNC,che si dice manomesso dai russi, fosse mai preso in visione dall`FBI? Nei regimi totalitari si ragione: Notizia non data,fatto non avvenuto, Sembra la posizione del Foglio sulla politica interna americana.

    Report

    Rispondi

  • Ferny55

    04 Novembre 2017 - 13:01

    Quindi questi vendono alla Russia un quinto della loro risorse di uranio che notoriamente serve per l'impasto dei dolci e poi scoprono che la stessa Russia in collusione con l'impresentabile ha influenzato le elezioni presidenziali del 2016? É uno scherzo?

    Report

    Rispondi

  • adebenedetti

    04 Novembre 2017 - 00:12

    Incredibile. Non una parola sulle rivelazioni di Donna Brazile in cui si rivela che fin fal 2015 il partito democratico DNC era diventato una succursale personale di Hillary e che il senatore Sanders e` stato fregato. C`e` chi parla anche li lavaggio di denaro sporco e violazione della legge elettorale e altre cose da galera. Non una parola dell`intevista concessa da Hillary in cui candidamente ammette di aver pagato Fusion GPS che poi ha pagato Cristofer Steel ex M16 che a sua volta ha dato i dollari dei democratici ai RUSSSI che hanno fornito il materiale per il Dossier contro Trump. Piu` collusione di questa. Poi i milioni ricevuti dalla ditta Clinton (fondazione) dai NOVE investitori che hanno comperato l`URANIO sono 145. Dovrebbe spiegare quale era l`interesse degli USA a vendere il 20% del proprio uranio. Amaramente non faccio che constatare che da tempo il Foglio sembra una succursale del partito democratico americano. Nulla di male ma almeno si abbia l`onesta` di dirlo

    Report

    Rispondi

Servizi