I saluti di Gerrard, il tributo dello Stanford Bridge al rivale e la Roma sbiadita

La pagella di Pierluigi Pardo alla serie A. Promossi Allegri, che comunque andrà al Bernabeu, ha fatto un capolavoro e il Parma; rimandato il Milan e il suo orgoglio residu; bocciata la Fiorentina per la disfatta di Siviglia e il guardalinee di Napoli Dnipro.
I saluti di Gerrard, il tributo dello Stanford Bridge al rivale e la Roma sbiadita

Steven Gerrard esce dal campo applaudito da tutto lo Stanford Bridge, stadio del Chelsea (foto LaPresse)

10 - al popolo di Stanford Bridge. Un minuto di ovazione per Steven Gerrard, capitano e bandiera del Liverpool. Oltre i colori. Priceless.

 

9 - a Massimiliano Allegri. Comunque andrà a finire al Bernabeu ha fatto un capolavoro. Certi tweet scettici di luglio 2014 fanno quasi tenerezza.

 

8 - al Parma e a tutti quelli che si impegnano, nonostante i destini già scritti.

 

7 - a Hernanes, tornato fenomeno e alla Lazio che lotta anche in nove. All'Olimpico, al di là degli errori arbitrali, va in scena un grande spettacolo. Grazie a loro.

 

6 - a quel briciolo di orgoglio rimasto al Milan. Mattia Destro si vendica, felice.

 

5 - alla Rossa, il passo indietro è evidente, nonostante l'orgoglio di Vettel che vorrebbe andare dal concessionario a comprarsi una Mercedes.

 

4 - alla Viola, travolta in Spagna, con troppe occasioni fallite e la solita sensazione di inadeguatezza quando l'asticella sale molto in alto.

 

3 - al Real. Aspettando la Juve intanto svanisce il primo obiettivo stagionale che pure sembrava alla portata tra nervosismi e polemiche. Adesso Carlo (che preferisce da sempre la Coppa) ha bisogno di un colpo dei suoi

 

2 - alla Roma sbiadita del 2015. Nessuno (giocatori, allenatore, società) può sentirsi assolto

 

1 - al guardalinee di Napoli Dnipro. Ma come ha fatto?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi