cerca

L'interesse per il debito

Tassi patriottici vs tassi europei

9 Luglio 2020 alle 11:24

Scrive l'Istat che dal 1861 il debito pubblico italiano è stato nella soglia di Maastricht del 60 per cento del pil appena 40 anni su 160. Per giunta solo in corrispondenza di eventi maggiori quali furono l'Unità d'Italia, che consenti di diluire l'alto debito sabaudo con quello degli altri stati pre-unitari, e l'inflazione del secondo dopoguerra. Detta così sembra un destino al quale non sappiamo (o non vogliamo) sfuggire, visto che oggi ci avviamo a ritrovare la soglia del 160 per cento sul pil vista solo in occasione della Prima guerra mondiale. Ma se guardiamo ancora più a fondo osserviamo che nel terribile ventennio che dagli anni '70 condusse alla crisi del debito del 1992, furono gli interessi a far lievitare il debito pubblico, che alimentarono deficit fuori controllo. E questo dovrebbe bastare a convincere chi oggi propone di vendere debito patriottico a caro prezzo invece che a un tasso europeo, visto che esistono strumenti che lo consentono. Ma è più probabile il contrario. Che prevalga, vale a dire, l'interesse per il debito.

Maurizio Sgroi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi