cerca

Più scienza e meno fantascienza per salvare il Sistema sanitario

Prevenzione e ricerca e "rimborsi solo per ciò che è basato sull'evidenza scientifica". Come tutelare il Ssn, secondo Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, che interverrà al convegno "Medicina e Pseudoscienza"

12 Marzo 2018 alle 14:00

Loading the player...

Prevenzione, ricerca ma anche gestione attenta delle risorse rimborsando – e quindi spendendo – solo per farmaci, presidi e interventi che abbiano evidenza scientifica. Sono i tre pilastri su cui poggiare la solidità del nostro Servizio Sanitario Nazionale secondo l'analisi di Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri.

  

"Il servizio sanitario Nazionale – dice Garattini – è un bene straordinario che purtroppo non viene da tutti apprezzato perché ormai sono pochi quelli che possono ricordare come era prima. E' compito di tutti salvare questo sistema". E tutti secondo il direttore del Mario Negri devono avere bene in mente e garantire tre fondamentali presupposti. "Credo ci siano tre condizioni", spiega lo scienziato. "La prima è la prevenzione. Dobbiamo aumentare la prevenzione, gran parte delle malattie non piove dal cielo ma siamo noi che ce le autosomministriamo per poi lamentarcene. La seconda che dobbiamo fare è di rimborsare soltanto ciò che è basato sull'evidenza scientifica. C'è molto da sfrondare in termini di farmaci, dispositivi medici, di interventi. E la terza cosa è che un Servizio Sanitario Nazionale non può non avere una forte ricerca scientifica: perché è solo la ricerca può permettere di migliorare il sistema e di prevedere quello che succederà e quindi di adeguare il sistema al futuro".

     

Garattini interverrà anche su questi temi a un convegno, organizzato da C1V Edizioni, su "Medicina e Pseudoscienza" dal 6 all'8 aprile al Mercure West di Roma. "Ben vengano queste manifestazioni – conclude Garattini – io parlerò fondamentalmente della necessità che la prevenzione non sia soltanto un problema medico e dei medici, ma sia un problema di tutta la popolazione e quindi tutti vengano chiamati a contribuire. È la società civile che deve essere responsabile della prevenzione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi