Il caso

Roma, incendio al Tmb di Malagrotta. Gualtieri: "Ora la città è in emergenza"

Simone Canettieri

Brucia l'impianto che tratta i rifiuti della Capitale. La Asl ai romani: chiudete le finestre. Il sindaco: "Ci saranno ripercussioni nella raccolta"

[Articolo aggiornato alle 8.45 di giovedì 16 giugno]

Vertice d’urgenza in Campidoglio alle 8.30 per fare la conta dei danni dopo l'incendio di mercoledì in un capannone a Malagrotta, la discarica che si trova nella zona ovest di Roma. Una sessantina di vigili del fuoco ha lavorato tutta notte e ora le fiamme divampate nell'impianto di trattamento rifiuti sono sotto controllo. Per spegnere completamente l'incendio saranno necessari giorni
 

"L'incendio di Malagrotta è gravissimo e forse durerà giorni. La Asl ha disposto divieto attività all'aperto raggio 6 chilometri e finestre chiuse. L'Arpa sta posizionando centraline per monitoraggio dell'aria. Il fumo si dirige verso parco Leonardo e l'aeroporto di Fiumicino", ha scritto in un tweet il vicepresidente del Consiglio Municipale Roma XI, in quota FdI. 

  

  

L'incendio sembra non aver causato problemi ai voli in arrivo e in partenza dallo scalo della capitale. Ieri una nuvola altissima di fumo si è levata da terra. L'Asl lancia un appello ai romani che abitano in quel quadrante: "Chiudete le finestre". Nella notte è stato attivato il centro operativo comunale a Porta Metronia per il monitoraggio dell’incendio in Valle Galeria. Il rischio è che la nube, causata anche dal rogo di scarti di plastica, sia carica di diossina.

 

 

L’incendio ha aggredito il Tmb2 che tratta 900 tonnellate al giorno di rifiuti. L’assessore Sabrina Alfonsi è sul posto, anche per verificare di persona l’impatto dell’incidente sul territorio. A tal fine è già stata attivata l’assistenza dell’Arpa per analizzare gli effetti sulla qualità dell’aria. “L’incendio del Tmb non è solo un grave incidente, ma costituisce un danno signficativo per il sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti a Roma, su cui avrà inevitabili conseguenze immediate -  dichiara il sindaco di Roma Roberto Gualtieri. Siamo già al lavoro per ricollocare quanto prima le quantità trattate dall’impianto danneggiato e indirizzarle su altri impianti di trattamento e sui successivi sbocchi. Già domani mattina si riunirà la cabina di regia con Ama e gli operatori che hanno contratti in essere diretti e indiretti con l’azienda di Roma. Metteremo tutto il nostro impegno per affrontare questa grave emergenza. Ringrazio le squadre dei Vigili del Fuoco, le forze dell’ordine, la polizia locale e i volontari della protezione civile per il loro prezioso lavoro”, conclude il sindaco.

 

Il Tmb1 dovrebbe funzionare regolarmente, i danno principali coinvolgono il Tmb2. In particolare si è danneggiata una vasca di stoccaggio del combustibile solido, cioè il problema riguarda le balle che poi partono per i termovalorizzatori. Le fiamme sono partite dal rigassificatore, inutilizzato. 

 

 

Di più su questi argomenti:
  • Simone Canettieri
  • Viterbese, 1982. Al Foglio da settembre 2020 come caposervizio. Otto anni al Messaggero (in cronaca e al politico). Prima ancora in Emilia Romagna come corrispondente (fra nascita del M5s e terremoto), a Firenze come redattore del Nuovo Corriere (alle prese tutte le mattine con cronaca nera e giudiziaria). Ha iniziato a Viterbo a 19 anni con il pattinaggio e il calcio minore, poi a 26 anni ha strappato la prima assunzione. Ha scritto per Oggi, Linkiesta, inserti di viaggi e gastronomia. Ha collaborato con RadioRai, ma anche con emittenti televisive e radiofoniche locali che non  pagavano mai. Premio Agnes 2020 per la carta stampata in Italia.