LaPresse 

preghiera

Da Saviano al Qatar, hanno tutti torto

Camillo Langone

Anche Meloni e Salvini che querelano lo scrittore: perché farlo non è cristiano (vedasi Matteo 5,25), non è elegante, non è nemmeno intelligente, consentendo al suo vittimismo di straripare

Hanno tutti torto. La Meloni e Salvini che querelano Saviano: perché farlo non è cristiano (vedasi Matteo 5,25), non è elegante, non è nemmeno intelligente, consentendo al vittimismo dello scrittore napoletano di straripare. E Saviano che si atteggia a paladino della libertà di espressione ma il ruolo non gli si addice, essendo solito usare parole censorie come “omofobo” e “razzista” per negare a singole persone e interi elettorati di esprimersi culturalmente e politicamente. Hanno tutti torto. Dua Lipa e Rod Stewart che non canteranno in Qatar perché nell’emirato non rispettano i diritti umani, ma continuano a cantare in Gran Bretagna dove non si rispetta il principale diritto dei bambini: quello di nascere. E il Qatar, dove se bevi alcolici rischi non so quante frustate (credo che non mi vedranno mai, laggiù sul Golfo Persico). Hanno tutti torto. Se ne facciano una ragione.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).