Foto di Miseria Nera (Wikimedia Commons) 

preghiera

È di Andrea Laszlo De Simone la canzone più struggente dell'anno

Camillo Langone

“I nostri giorni” è, al contempo, follemente nostalgica e terribilmente contemporanea. “... E dietro le porte / armati di sogni / aspettando che torni / la nostra vita”. Sembra De André con Rino Gaetano

 

“Di malattia / o di terrore / di sete o di fame / o di depressione”. La voce sembra di Peppino Di Capri, la musica sembra di Morricone, le parole, tristissime, bellissime, sembrano scritte da De André insieme a Rino Gaetano. “Di ipocondria / o di delusione / in giovane età / o ormai in pensione”. E’ invece una canzone di Andrea Laszlo De Simone, cantante di aspetto (non solo di suono) settantiano che nei Settanta non era ancora nato. Si intitola “I nostri giorni” ed è, al contempo, follemente nostalgica e terribilmente contemporanea. “Nessuno sa / che cosa accadrà / e dietro le porte / armati di sogni / aspettando che torni / la nostra vita”. Sia subito considerata la canzone più struggente del 2022, e una delle canzoni più necessarie: perché ogni memento mori contiene un memento vivere.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).