cerca

Ci vuole libertà per scrivere poesie dedicate all’uccisione del maiale

Roberta Dapunt, Poetessa del porcello, pubblica "Nauz", un libro che è un inno alla libertà

24 Gennaio 2018 alle 06:17

Ci vuole libertà per scrivere poesie dedicate all’uccisione del maiale

Sant’Antonio abate, Santo del porcello, ti affido Roberta Dapunt, Poetessa del porcello (anzi, nella sua lingua ladina, del porcel). “Nauz”, che significa “truogolo”, è un libro di poesie dedicate all’uccisione del maiale nel suo maso in Val Badia. In ladino, con traduzione italiana a fronte, pubblicato da “Il ponte del sale”, piccola casa editrice di Rovigo (dunque Triveneto proteico e poetico). La prosa finale ricorda, nello stile e nel paesaggio, Giovanni Lindo Ferretti, altro poeta-allevatore, altro tuo devoto che lo scorso 17 gennaio ha fatto benedire le sue stalle dai monaci ortodossi. “Nauz” è corredato da fotografie del maiale macellato, scattate dall’autrice. Ci vuole del coraggio a fare un libro del genere. Ci vuole della libertà (in Italia la macellazione domestica è dallo Stato illiberale osteggiatissima ma la provincia di Bolzano, fiera e rurale, non è davvero Italia). Ci vuole della poesia: “In questo maso che esige la fedeltà come unica compagna / … / Qui sono, ancora e sempre, in una mansione d’onore”. E infine ci vuole la tua benedizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    24 Gennaio 2018 - 11:11

    A proposito di maiali. Raggi conosce tutti i maiali di Roma e dintorni.Appena ha visto il maiale postato da Giorgia Meloni ha subito tuittato " è dei Casamonica !"

    Report

    Rispondi

Servizi