"Nessun hacker, ma quei tweet contro Renzi non sono i miei". Parla il giudice Miele

Luciano Capone

Dopo l'articolo del Foglio, il magistrato appoggiato dal M5S per la presidenza della Corte dei Conti si giustifica per gli insulti su Twitter al leader di IV (che lo ha denunciato): "Lasciavo sempre l’iPad in giro in ufficio, qualcuno avrà utilizzato il mio account".

Di più su questi argomenti:
  • Luciano Capone
  • Cresciuto in Irpinia, a Savignano. Studi a Milano, Università Cattolica. Liberista per formazione, giornalista per deformazione. Al Foglio prima come lettore, poi collaboratore, infine redattore. Mi occupo principalmente di economia, ma anche di politica, inchieste, cultura, varie ed eventuali