Il centrosinistra in fase Dibba. Auspici per il dopo Pisapia

La cattiva notizia per il Pd è che il centrosinistra non esiste e che la legge elettorale nata per fare coalizioni non aiuterà a fare coalizioni

Il centrosinistra in fase Dibba. Auspici per il dopo Pisapia

Foto LaPresse

Al direttore - Pisapia libero, è uguale.

Giuseppe De Filippi

 

Pisapia non si candida (e pazienza). Alfano non si candida (e pazienza). Calenda non si candida (ed è un peccato). La cattiva notizia per il Pd è che il centrosinistra – in piena fase Dibba – non esiste e che la legge elettorale nata per fare coalizioni non aiuterà a fare coalizioni. La buona notizia è che, ora che sarà impossibile parlare di coalizioni, sarà impossibile non parlare di contenuti. Andrà così, è vero?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    07 Dicembre 2017 - 17:05

    Riflessione su Calenda: i più capaci hanno capito che è inutile impegnarsi, spendersi, per mettersi al volante di un'auto che poi non potranno guidare. Ai mediocri e agli incapaci invece piace tanto ... pavoneggiarsi. Il nocciolo della bassa qualità delle classi dirigenti, è lì.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    07 Dicembre 2017 - 17:05

    Al direttore – Non so se sia un riflesso condizionato o l’impossibilità di elaborare un pensiero autonomo, ma il ritornello stucchevole: programmi e contenuti, ha rotto i cabassisi. Tutto un flatus vocis iniziato da … Menenio Agrippa. Vengono invocati solo per aizzare divisioni, scontri e, precostituirsi alibi poiché sono, programmi e contenuti, disegnati da ciascuno per il proprio segmento di riferimento, per la ricerca, in quello, del consenso. Non può essere diversamente? Il linguaggio della verità non paga? Allora non usciremo mai dall'impossibilità del “fare”, senza che nessuno ci rimetta qualcosa.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    07 Dicembre 2017 - 12:12

    In un paese in cui gli anti sistema sono maggioranza, il PD non deve rincorrerli in terreni che non gli appartengono. Anche se ridotto ai minimi termini, deve mantenere saldi i propri principi nel solco del riformismo e dell'apertura.

    Report

    Rispondi

Servizi