cerca

Tra Salvini e Meloni

Elezioni e candidati. Così il Cav. si muove nel gioco zen dei suoi nuovi alleati

A Milano e Napoli per la destra butta male. I sussurri dei consiglieri e quei numeri minacciosi su Marchini

20 Novembre 2015 alle 06:21

Elezioni e candidati. Così il Cav. si muove nel gioco zen dei suoi nuovi alleati

Silvio Berlusconi (foto LaPresse)

Roma. Antonio Tajani si china all’orecchio del Cavaliere, e gli dice: “Guarda che o candidiamo Alfio Marchini o si perde”. Poi nello studio di Palazzo Grazioli arriva anche il plico dei sondaggi di Alessandra Ghisleri: Marchini, da solo, a Roma è in testa con il 25,2 per cento. Così ogni volta che Silvio Berlusconi incontra Giorgia Meloni, com’è accaduto ancora qualche giorno fa, lui le si avvicina timidamente, lei si irrigidisce, e tra i due va in scena un dialogo che suona all’incirca così, sempre uguale da settimane: “Visti i sondaggi, potresti almeno esaminare, in via del tutto ipotetica, la possibile candidatura di questo Marchini?”, chiede il Cavaliere. Al che la signora Meloni, un po’ risentita: “Ma quello è comunista!”. E Berlusconi: “Allora ti candidi tu?”. E lei: “Mo’ vediamo”.

 

E insomma il Cavaliere deve aver talvolta l’impressione d’essere coinvolto in uno strano gioco zen, una specie di labirinto circolare: Meloni si ferma sotto il portone di casa sua, scende dalla macchina, viene gravemente introdotta nello studio, e bevendo un caffè o un crodino dice per alcune ore cose che ha già detto. Berlusconi, che le ha già sentite, le dà risposte che l’altra già conosce. Passa qualche settimana, e la cosa si ripete: sfrecciata, portone, studio, crodino, ti candidi? (“boh”), lo candidiamo? (“no”). E questa ritualità inizia a sembrare alquanto stramba persino a Matteo Salvini, il terzo socio, lui che di Roma ci capisce poco – e ancor meno gli interessa – ma che pure è circondato da leghisti romani (ci sono, e sono quasi tutti ex di An come Barbara Saltamartini) che tifano per Marchini. “Il titolo del film è questo: ‘Come perdere una campagna elettorale già vinta’”, sussurra Tajani.

 

E l’incertezza di Giorgia Meloni deriva tutta da un groviglio di motivi: la campagna elettorale è un violento tritacarne (e la sorella della signora Meloni è indagata per corruzione dalla procura di Roma), i suoi sondaggi non sono precisamente entusiasmanti (e che succede poi se Meloni non arriva nemmeno al ballottaggio?). Un brutto inciampo a Roma significherebbe trovarsi poi nei guai con Berlusconi e Salvini quando si dovranno trattare i posti nella lista unica nazionale per le prossime elezioni politiche, e uno degli sport più popolari nel centrodestra – non da oggi – è: “Ammazza l’alleato”. Così, di fronte all’incognito, tutto rimane vago, e i contatti fra i tre soci della nuova destra si attengono con vera passione e ammirevole zelo partecipativo al rito del surplace, a quest’aria di sospensione, di partita domenicale sempre rimandata. Con Marchini, l’imprenditore desiderato da Berlusconi ma respinto da Meloni, che un po’ non li capisce e un po’ li osserva con il rispetto sommesso del profano, di chi dice, tra l’ammirato e il perplesso: “Questi devono saperla lunga, forse in politica usa così”. E insomma Marchini si comporta all’incirca come Cristoforo Colombo quando incontrò gli indiani. “Prima o poi mi diranno cosa vogliono fare”, crede lui. Ma come dicono con amara ironia i signorotti romani di Forza Italia, non solo Tajani, ma anche Francesco Giro, sempre più simili a dei san Gerolamo nel deserto, di quelli che si vedono con un sasso in mano per battersi il petto: “Perché fare oggi quello che puoi fare domani piangendo?”.

 

[**Video_box_2**]Il vaticinio è che nulla accadrà, e niente si scioglierà prima di febbraio, al limite estremo – dicono – della resistenza umana e politica. A quel punto a Berlusconi non resteranno che tre ipotesi. 1) Giocare a “chi uccide chi”, e insomma lanciare un ultimatum alla signora Meloni per convincerla a scendere in campo: o ti candidi tu o candido Marchini. 2) Difendere comunque la foto di Bologna con Meloni e Salvini, candidando un simpatico perdente (opzione molto quotata al momento). 3) Sfasciare l’alleanza della nuova destra e portare Forza Italia a sostenere da sola Marchini (nel caso in cui l’imprenditore dovesse ancora salire nei sondaggi). Ma per adesso il Cavaliere è in modalità diplomatica e gioviale, anche se talvolta dicono abbia l’impressione d’essere fuori posto tra i suoi due nuovi giovani soci, Salvini e Meloni. Dunque tenta di sbrogliare matasse e gomitoli, baruffe e ingorghi. Eppure il macigno restà lì, dolorosamente concreto. Nei sondaggi la nuova destra perde a Napoli, a Bologna, a Milano. E a Roma? “Mo’ vediamo”.

Salvatore Merlo

Salvatore Merlo

Milano 1982, giornalista. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi