cerca

Enrico, stai sereno

L’arte di farsi tradire. Veltroni perdonò D’Alema come Berlusconi perdonò Bossi - di Salvatore Merlo

13 Aprile 2015 alle 17:11

Enrico, stai sereno

Enrico Letta con Matteo Renzi il giorno dell'insediamento di quest'ultimo a Palazzo Chigi (foto LaPresse)

Spassionatamente e con autentica simpatia viene da dirgli: #EnricoStaiSereno, ma sul serio. Renzi lo accoltellò, ammesso che il tradimento esista in politica, lo sappiamo, ce lo ricordiamo, lo sanno tutti. Con toni epici i giornali raccontarono l’intera vicenda come se fosse partorita dalla fantasia di Shakespeare, ché tutto il teatro elisabettiano, come il palcoscenico girevole di Montecitorio, è attraversato da figure di traditori assoluti. Quando accade non è un bello spettacolo, ma va avanti così da qualche millennio. Letta era presidente del Consiglio, regnava, il boy scout ambizioso lo rassicurava, lo consigliava, e gli sorrideva con piglio sbarazzino: #staisereno, appunto. Ma poi: zac! A Palazzo Chigi c’è andato Renzi. E Letta da quel momento è rimasto in silenzio, mentre quelli che gli vogliono bene, da Francesco Boccia a Marco Meloni, si disponevano alla pugna contro il marrano, contro il Riccardo III di Rignano sull’Arno. Guai a lui.

 

Letta invece niente. Muto. Avvolto in un silenzio che sembrava alludere più al distacco che al rancore. Però adesso pubblica un libro con questo sottotitolo: “Comandare non è governare. Se vuoi correre veloce vai da solo, se vuoi andare lontano devi farlo insieme”. E allora cominciamo a pensare che il silenzio di Letta non fosse ginnastica zen, e che esistano molti modi di tradire ma che esistano pure molti modi di farsi tradire. Insomma, essendo la politica diventata un grande spettacolo, bisogna forse anche imparare a farsi tradire per bene. Con grazia, se possibile. E con un pizzico di furbizia. Il tradimento, in politica, è un punto di vista, una condizione abbondantemente retrattile come dimostra la storia. D’Alema soffiò la segreteria del Pds a Veltroni, nonostante questo avesse vinto un referendum. E certo poi Walter – che pure non gliela perdonò – non ha passato il resto della sua esistenza a lagnarsi del tradimento di Massimo. E quando Berlusconi provò a scippargli i deputati della Lega, Bossi lo mandò a quel paese, fece cadere un governo. E gli diede pure del furfante. Ma poi si ricandidò con il Cavaliere, e vinsero le elezioni. Nel suo indispensabile cinismo, l’uomo politico deve governare il distacco dalle emozioni, pronto semmai ad approfittare dell’altrui mancanza di autocontrollo. Dunque: basta concentrarsi su quei trenta denari. Vai avanti, Enrico. #Rifatti una vita!

 

Salvatore Merlo

Salvatore Merlo

Milano 1982, giornalista. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi