Lo sbirro di Macron

E’ stato sindaco (molto amato) di Lione, ora è il ministro più popolare Gérard Collomb: all’Interno un socialista fissato con la sicurezza

Lo sbirro di Macron

Foto LaPresse

Nel 2014 miglior sindaco di Francia. Ha fatto di Lione un polo di attrazione culturale e industriale. “Ha anticipato il macronismo”

Il giorno dell’investitura, lo scorso 14 maggio, non è riuscito a trattenere le lacrime. Perché Gérard Collomb, quel posto, lo attendeva da una vita. A 70 anni, l’ex sindaco socialista di Lione, cantore del riformismo e sostenitore della prima ora di Emmanuel Macron, è finalmente salito ai piani alti della République, e non in un ministero qualunque, bensì a Place Beauvau, sede dell’Interno, il ministero più potente di Francia. Troppe volte, durante i rimpasti dei precedenti governi socialisti, era rimasto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi