La cortina di ferro

Anne Applebaum
Mondadori, 640 pp., 32 euro

La cortina di ferro

Sulla nascita e lo sviluppo del bolscevismo in Unione sovietica esistono biblioteche infinite, mentre l’affermazione del comunismo nei paesi della cosiddetta “Europa dell’est” è stata meno studiata. Tant’è vero che – osserva Anne Applebaum, giornalista americana naturalizzata polacca, alle spalle un monumentale studio sui Gulag, premio Pulitzer nel 2004 – nel vuoto di ricerche c’è stato spazio perfino per affermare che sarebbe stata l’“aggressiva retorica” dei fautori della Guerra fredda che “avrebbe ‘costretto’ il leader sovietico a serrare la morsa sulla regione”. “Un esame approfondito di ciò che concretamente accadde nella regione tra il 1944 e il 1947 – replica Applebaum – rivela la fallacia di queste argomentazioni”. E’ vero infatti che nei paesi occupati dall’Armata rossa rimasero per qualche tempo alcuni tratti di un sistema politico liberale: “Fattorie, imprese e attività commerciali private sopravvissero per tutto il 1945 e il 1946, qualche giornale indipendente continuò a uscire e qualche chiesa rimase aperta. Ma tutto questo non avvenne perché i sovietici e i loro alleati fossero dei democratici di idee liberali”, bensì solo per ragioni tattiche. I dirigenti comunisti erano infatti convinti che rapidamente la maggioranza dei lavoratori “avrebbe capito il suo destino storico e votato per un regime comunista”. Il problema è che “si sbagliavano. Nonostante le intimidazioni, la propaganda e persino la reale attrazione che il comunismo esercitava su alcuni, i partiti comunisti persero le prime elezioni” quasi dappertutto.

 

“Di conseguenza, i comunisti ricorsero alle tattiche più drastiche già impiegate in Urss: nuove ondate di arresti, l’espansione dei campi di lavoro, un controllo molto più stretto su media, intellettuali e arti”. In alcuni paesi le autorità si spinsero fino a montare processi farsa in stile prettamente sovietico, e dovunque si impegnarono sistematicamente per cancellare tutte le organizzazioni indipendenti superstiti, sottoporre a controlli molto più rigidi l’educazione, eliminare l’influsso delle chiese. Nonostante tutti gli sforzi, “avrebbero di nuovo fallito”: dopo la morte di Stalin, nel 1953, in tutta la regione si assistette a una serie di piccole e grandi sollevazioni; nel ’56 grandi rivolte scoppiarono in Polonia e Ungheria. Il libro di Applebaum racconta, con dovizia di particolari da fonti di prima mano, la storia del tentativo del nuovo potere di assumere fra il 1944 e il 1956 il controllo totale della società, e di come ovunque ci siano stati uomini e donne che hanno resistito, rifiutando il dominio della menzogna e cercando come potevano di conservare un minimo di dignità. 

 

LA CORTINA DI FERRO
Anne Applebaum
Mondadori, 640 pp., 32 euro

acquista ora

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi