cerca

Gli affari di Iliad e Cellnex scuotono le infrastrutture tlc italiane

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese

8 Maggio 2019 alle 10:17

Gli affari di Iliad e Cellnex smuovono le infrastrutture tlc italiane

Free, l'operatore di telefonia mobile francese, filiale del gruppo Iliad Foto LaPresse

Conte, Siri si dimetta o verrà destituito

Vienna, 8 mag 08:31 - (Agenzia Nova) - Accusato di corruzione, il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti Armando Siri, senatore della Lega, “deve rassegnare le dimissioni o chiederò che la sua destituzione venga messa al voto” nella riunione del governo che si terrà oggi a Palazzo Chigi. Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, secondo quanto riferisce il quotidiano austriaco “Der Standard”. Un'uscita di scena di Siri sarebbe “la prima grave sconfitta” per il leader della Lega, il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini, che “praticamente ha dominato l'esecutivo fin dal suo insediamento”. Siri è infatti considerato molto vicino al titolare del Viminale, che ha sempre escluso la destituzione del sottosegretario alla Infrastrutture e ai Trasporti, ripetutamente chiesta invece dall'alleato della Lega nel governo, il Movimento 5 Stelle (M5S), il cui capo politico è l'altro vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio. Per i Cinquestelle, un membro del governo che, come Siri, “sia sospettato di aver fatto favori alla mafia, è intollerabile”. 
 
Continua a leggere su Der Standard


     

Re Felipe VI accolto a Napoli con l'inno franchista

Madrid, 8 mag 08:31 - (Agenzia Nova) - Il re di Spagna Felipe VI e suo padre, Juan Carlos, sono stati accolti ieri, 7 maggio, al teatro San Carlo di Napoli, sulle note dell’inno nazionale accompagnato dalle parole del poeta José Maria Peman, una versione riadattata durante il franchismo e poi abbandonata. La gaffe è riportata oggi dalla stampa spagnola che ricorda come la prima versione del testo sia stata scritta nel 1928, su richiesta del dittatore Primo de Rivera, e adottata alcuni anni dopo dal regime di Francisco Franco con alcune integrazioni patriottiche, fra cui un "alzate le braccia" al posto di "alzate le fronti". Attualmente l’inno nazionale, la Marcia reale, si esegue senza parole. I due sovrani hanno ascoltato impassibili l’esecuzione del coro delle voci bianche del San Carlo, e, alcuni minuti dopo, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso le sue sentite scuse. I re spagnoli sono a Napoli, insieme al presidente del Portogallo Marcelo Rebelo de Sousa, per partecipare a Cotec Europa, il simposio dedicato all'evoluzione della Pubblica Amministrazione alla luce della rivoluzione digitale. © Agenzia Nova - Riproduzione riservata
 
Continua a leggere su El Pais, La Vanguardia, El MundoAbc


    

Italia: deficit verso sforamento parametri Ue nel 2020

Londra, 8 mag 08:31 - (Agenzia Nova) - Nel 2020, il deficit dell'Italia supererà ampiamente i parametri di bilancio dell'Unione europea. Lo scrive il quotidiano britannico "Financial Times", commentando le previsioni pubblicate dalla Commissione europea nella giornata di ieri, 7 maggio. Secondo tali stime, nel prossimo anno, il deficit dell'Italia salirà al 3,5 per cento del Pil: un punto percentuale in più rispetto alle ultime previsioni della Commissione, che a novembre del 2018 davano la lettura la 3,1 per cento del Pil, già ben al di sopra di quanto concordato tra Italia ed Ue. Il deterioramento dei conti pubblici italiani è determinato dal rallentamento dell'economia e dalle costose politiche di spesa pubblica attuare dal governo, come il reddito di cittadinanza e la riforma delle pensioni, nota come Quota 100. Qualora le previsioni della Commissione europea venissero confermate, nel 2020 l'Italia supererebbe per la prima volta il tetto del deficit al 3 per cento del Pil, uno dei parametri di bilancio del trattato di Maastricht. 

Continua a leggere su Financial Times


    

Iliad vende a Cellnex torri in Italia e Francia

Londra, 8 mag 08:31 - (Agenzia Nova) - L'operatore francese di telefonia mobile Iliad "ha commesso svariati errori" negli ultimi anni. Lo ha ammesso il fondatore e principale azionista della società, Xavier Niel, spiegando ieri, 7 maggio, perché ha deciso di vendere quasi ottomila torri per ponti-radio in Francia ed Italia al gruppo Cellnex. I 2 miliardi di euro ottenuti dall'operazione, riferisce il quotidiano britannico "Financial Times", serviranno a finanziare il piano industriale strategico di Iliad per il 2019-2024. Con tale iniziativa, l'impresa spera di superare un periodo negativo, che fra l'altro ha visto le azioni perdere circa il 20 per cento del loro valore dall'inizio del 2019. 

Continua a leggere su Financial Times


  

Tlc: Cellnex vola in Borsa dopo acquisto torri in Italia, Francia e Svizzera

Madrid, 8 mag 08:31 - (Agenzia Nova) - Cellnex, operatore indipendente di infrastrutture per telecomunicazioni wireless, ha registrato ieri, 7 maggio, un forte aumento sulla Borsa di Madrid pari al 6,68 per cento, mentre le sue azioni sono cresciute fino ai 27,79 euro. Lo riferisce il quotidiano economico spagnolo "Cinco Dias", spiegando che gli analisti internazionali hanno reagito con entusiasmo all'annuncio del gruppo degli accordi siglati con Iliad e Salt che prevedono l'acquisto di 10.700 torri in Italia, Francia e Svizzera, per 2,7 miliardi di euro, e un ulteriore investimento di 1,35 miliardi per continuare ad espandersi nei tre paesi tra il 2020 e il 2027. 

Continua a leggere su Cinco diasLa Vanguardia   


   

Napoli, sindaco de Magistris accusa serie "Gomorra" per aumento criminalità

Londra, 8 mag 08:31 - (Agenzia Nova) - Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha accusato la serie tv "Gomorra" per l'aumento della violenza e della criminalità nella città.Lo riferisce oggi il quotidiano britannico "The Telegraph". De Magistris ha affermato come a Napoli si registri un picco di reati violenti dopo la messa in onda di ogni nuovo episodio di "Gomorra". Il sindaco di Napoli ha, quindi, accusato gli autori della serie televisiva di rendere "affascinanti" la droga, la violenza e le armi da fuoco, spingendo i giovani verso la criminalità. Per de Magistris, i protagonisti di "Gomorra" sono, invece, "eroi di merda", come il sindaco di Napoli ha scritto sulla propria pagina Facebook, provocando un ampio dibattito su come la televisione influenzi la gioventù. A ogni modo, nota il "Telegraph", le affermazioni di de Magistris su "Gomorra" sono state accolte con scetticismo. Per i cittadini, le cause dell'aumento della criminalità sono, infatti, nella povertà diffusa, nell'elevata disoccupazione e nell'assenza dello Stato. 
 
Continua a leggere su The Telegraph

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    08 Maggio 2019 - 10:10

    E Saviano come l'ha presa? I suoi sentimenti antimafia o anticamorra mi sembrano, da sempre. pelosi o tartufeschi. Adesso De Magistris lo accusa di rendere la camorra affascinante. E ti credo lui con la sua falsa avversione alla camorra ci ha fatto i milioni, la fama, la scorta ed una vita da nababbo con benefit a gogò mentre è evidente che va fiero della camorra napoletana e delle sue prodezze.

    Report

    Rispondi

Servizi