La poesia per strada

2

13/02/2020

I l mio incontro con Kate Tempest, londinese di Brockley, zona sud-est, classe 1985, è avvenuto sotto un segno decisamente inatteso, e senz’altro differente rispetto ai canali attraverso cui si può, in genere, scoprire una nuova poetessa. Un paio di anni fa, infatti, un amico pubblicò, in un gruppo dedicato ai rave e alla musica elettronica, una traccia drum’n’bass da me mai sentita prima, che recava il grifagno titolo “Ketamine for breakfast” e sulla quale una voce femminile tosta, accorata,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.