In nome del “superuntore”

Ma davvero la paura del virus giustifica il giustizialismo lessicale?

3

13/02/2020

Non si sa se è il lessico giornalistico che ormai si è piegato alle esigenze mediatico-accusatorie (giustizialismo lessicale?) o se la diffusione del coronavirus ha fatto perdere di vista le più elementari regole di tutela degli innocenti, malati e sani, fatto sta che negli ultimi due giorni un cittadino britannico di nome Steve Walsh è stato sbattuto in prima pagina, con tanto di foto, età, elenco dettagliato degli spostamenti e informazioni su professione e famiglia, su siti e quotidiani non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.