Le motivazioni dell’assoluzione di Riva riscrivono la storia dell’Ilva

Sequestri preventivi, espropri e accuse infondate. Quello del siderurgico è un fallimento politico-giudiziario, non di mercato

3

09/01/2020

Taranto. Le 127 pagine di motivazioni della sentenza di assoluzione di Fabio Riva per l’ipotesi di bancarotta certamente piomberanno in tutte le future vicende giudiziarie e non legate all’Ilva di Taranto.   Il Tribunale di Milano, ovviamente, dichiara che non è suo compito valutare se siano stati o meno commessi reati ambientali, accertamento che è demandato ai giudici di Taranto, ma se sia stata compiuta da parte degli amministratori dell’Ilva  “quella sistematica omissione delle tutele ambientali e sanitarie” che però è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.