Stampelle a chi?

Salvatore Merlo

Reporter:

Salvatore Merlo

1

24/12/2019

Roma. “Vogliamo che il berlusconismo sopravviva”. E però mentre lo dice si rende conto del paradosso, perché l’operazione politica che ha lanciato assieme a Giovanni Toti non contempla la carne e le ossa di Silvio Berlusconi. Anzi, Berlusconi la considera ostile. E così alla fine Paolo Romani, una vita al Castello di Arcore, tra partito e azienda, azienda e partito, si consegna a una contraddizione che contiene in sé tutta la straordinaria, eccezionale anomalia del Cavaliere: “Il berlusconismo senza Berlusconi”....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.