Agenda Di Maio. Assemblea Onu, Libia e non pestare i piedi a Conte

Reporter:

Francesco Maselli

4

05/09/2019

Roma. Il nuovo ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, troverà sulla sua scrivania molti dossier sensibili, alcuni piuttosto urgenti, anche se la politica estera non pare essere una priorità di questa legislatura. Il suo predecessore, Enzo Moavero, ha scelto di tenere un profilo talmente basso da risultare invisibile e nei primi 26 punti dell’accordo provvisorio tra M5s e Pd la politica estera non compariva (è poi stata inserita successivamente), segno delle divisioni che esistono all’interno del nuovo governo sul tema,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.