Sviluppismo e sovranismo non s’attagliano

Alberto Brambilla

Reporter:

Alberto Brambilla

1

02/08/2019

Roma. I leader nazional-populisti sono solitamente criticati per la mancanza di un programma politico che vada oltre le diatribe sugli immigrati, le minoranze, le élite. Un programma che indica alla popolazione vari “nemici del popolo”, soprattutto immaginari. E’ un programma negativo che però – da solo – rischierebbe di fare precipitare le nazioni in un loop paranoide per cui le minacce sono onnipresenti: l’invasione di stranieri, il governo cinese in ascolto delle telefonate, l’Europa assetata di austerità. Sono tratti comuni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.