Il turismo come arma (politica) di boicottaggio di massa. Il metodo cinese

Giulia Pompili

Reporter:

Giulia Pompili

2

02/08/2019

Roma. Il turismo può essere un’arma politica. Ce lo ha insegnato soprattutto Pechino, che in vari periodi della storia contemporanea ha esercitato il suo potere di influenzare e dirottare il turismo cinese a seconda della situazione diplomatica che il governo aveva con il paese di destinazione. Funziona così quando il governo di Pechino promuove una nuova mèta turistica per questioni politiche – è successo per l’Italia, dopo la firma del memorandum d’intesa sulla Via della Seta e la rinnovata “amicizia”...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.