Il Figlio-La Lettera

Allauìn e le caramelle a forma di occhio insanguinato. Fingiamo che sia divertente

Annalena Benini

"Cara Annalena, non ho figli e i film con i morti viventi mi fanno paura. Mi chiedo se De Luca ha ragione sulla festa di Halloween, da lui definita un monumento all'idiozia. Tu lo sai?", scrive Marina. 

Cara Annalena, devo ammettere, e chissà se sarai d’accordo con me, che le esternazioni del presidente della mia terra, la Campania, Vincenzo De Luca, mi hanno fatto molto divertire. Mi riferisco ad Halloween, o Allauìn, come ha detto lui. Ha detto che queste feste importate dall’America sono un monumento all’idiozia, e che lui chiuderà tutto perché sa già che ci sono feste in programma e insomma le vuole impedire e vuole distruggere Allauìn. Io non ho figli, per ora, e mi fanno paura anche i film con i morti viventi, però quando ho visto con mia nipote Coco, il film Disney sul giorno dei morti, ho provato molta simpatia per questa festa di cui non mi era mai importato nulla. Non mi piacciono le caramelle a forma di occhi e mi ha fatto ridere De Luca, ma non so se ha ragione. Tu lo sai?

Marina Riccio 

 

Cara Marina, anche io detesto quelle caramelle, e anche le ragnatele finte sulle porte e i teschi in genere. Ma mi strazia la scena di Marriage Story, in cui padre e figlio vanno a fare dolcetto e scherzetto, ma non c'è nessuno che dia loro neanche un cioccolatino e il figlio è stanchissimo e il padre disperato. Quindi terrò pronte le caramelle a forma d'occhio che schizza fuori dal cervello e fingerò che Allauìn sia molto divertente

Annalena Benini 

Di più su questi argomenti:
  • Annalena Benini
  • Annalena Benini, nata a Ferrara nel 1975, vive a Roma. Giornalista e scrittrice, è al Foglio dal 2001 e scrive di cultura, persone, storie. La rubrica di libri Lettere rubate esce ogni sabato, l’inserto Il Figlio esce ogni venerdì ed è anche un podcast. Ha scritto e condotto il programma tivù “Romanzo italiano” per Rai3. Il suo ultimo libro è “I racconti delle donne”. E’ sposata e ha due figli.