cerca

Dzemaili, le esultanze e il Genoa per combattere la decrescita demografica

Il gesto dell’ombrello ai tifosi avversari non bastava: Blerim Dzemaili, sul 2 a 1 del suo Genoa sul Sassuolo, ha tenuto anche a specificare “abbiamo due palle così!”

23 Novembre 2015 alle 17:39

Dzemaili, le esultanze e il Genoa per combattere la decrescita demografica

Foto LaPresse

Il gesto dell’ombrello ai tifosi avversari non bastava: Blerim Dzemaili, sul 2 a 1 del suo Genoa sul Sassuolo, ha tenuto anche a specificare “abbiamo due palle così!” (cioè ben ventidue, numeri da capogiro in tempi di estinzione del maschio: se tifassimo tutte Genoa la demografia avrebbe forse altri numeri). A pochi metri da lui, il portiere Mattia Perin ha trottolato per qualche minuto tra una capriola e l’altra, come in un processo immaginativo di Moira Orfei.

 

Finito l’iniziale smarrimento, durato all’incirca un trilionesimo di secondo (tanto ci vuole a disintegrare pensieri di fairplay, se si gode del privilegio di amare il calcio senza capirlo), ci siamo unite all’esultanza, poco abituate come siamo a vederla in campo e abbiamo traslocato dall’altra parte della barricata, dove il marito ideale è Adriano Pappalardo, la platealità prosaica è legale e tutti sanno che il mondo, come scrisse T.S. Eliot, non finisce in un baccano, ma in un piagnisteo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi