cerca

La Romagna del ciclismo nell'obiettivo di Secondo Casadei

Da oggi a Riccione la mostra fotografica “Il ciclismo secondo Casadei”. Piccolo viaggio sentimentale a due ruote, con i testi di Marco Pastonesi e la collaborazione della Biblioteca della Bicicletta Lucos Cozza

19 Aprile 2019 alle 16:50

C’è Gimondi che sorride e c’è Merckx che si gratta il naso. C’è Altig con la sacchetta del rifornimento e c’è Anquetil che si sistema la maglia. C’è Paolini con la maglia di campione d’Italia e c’è Zandegù con la tuta della squadra. C’è Adorni a tutta e c’è Massignan a piedi. C’è la Romagna del Gran premio Castrocaro, la Romagna delle tappe del Giro, la Romagna degli amatori. E c’è, soprattutto, dovunque, tantissima gente: così, a occhio, romagnola. E’ “Il ciclismo secondo Casadei”, o forse “Il ciclismo Secondo Casadei”, perché le fotografie appartengono a Secondo Casadei, secondo a nessuno almeno per quanto riguarda la passione per il mondo della bicicletta, cioè le corse e i corridori.

 

La mostra fotografica “Il ciclismo secondo Casadei”, un piccolo viaggio sentimentale a due ruote, con i testi di Marco Pastonesi e la collaborazione della Biblioteca della Bicicletta Lucos Cozza, si apre oggi, venerdì 19 aprile, alle 21, nella Villa Mussolini, viale Milano 40, a Riccione, nell’ambito delle manifestazioni che accompagnano il 19 maggio la nona tappa, la Riccione-San Marino, 34,7 chilometri a cronometro, del Giro d’Italia 2019. E per celebrare l’inaugurazione, è in programma un talk-show, in cui il campione olimpico Ercole Baldini, il supervisore delle nazionali italiane Davide Cassani, il campione del mondo 1988 Maurizio Fondriest e il gregario Pierino Primavera si raccontano a Marco Pastonesi.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi