cerca

Ratko Mladic è stato condannato per genocidio

Il Tribunale dell'Aia per i crimini nella ex-Yugoslavia ha riconosciuto il "macellaio dei Balcani" colpevole di 10 capi d’accusa sugli 11 per il quale era processato, in particolare nel massacro di Srebrenica e nell’assedio di Sarajevo

22 Novembre 2017 alle 12:55

Ratko Mladic è stato condannato per genocidio

L'Aia, il tribunale internazionale condanna all'ergastolo Ratko Mladic (foto LaPresse)

L'ex generale serbo Ratko Mladic è stato condannato in primo grado all’ergastolo per genocidio e crimini di guerra e contro l'umanità per il ruolo che ha avuto durante la guerra in Bosnia (1992-95) e in particolare nel massacro di Srebrenica e nell’assedio di Sarajevo dove il cecchinaggio dalle colline fece 10mila morti (tra loro 1.500 bambini). Il Tribunale internazionale dell’Aia per i crimini nella ex-Yugoslavia ha giudicato Mladic, noto anche come "il macellaio dei Balcani", colpevole di dieci capi d’accusa sugli undici per il quale era processato.

   

   

 

Il 74enne Mladic, che all’epoca era il comandante dell'esercito serbo bosniaco, volle portare avanti una campagna micidiale di bombardamenti e di tiri di cecchini anche contro i civili e a Srebrenica ha perpetrato genocidio, persecuzione, sterminio, assassinio e atti disumani attraverso trasferimenti forzati, dice la sentenza. Il giudice ha dovuto allontanarlo dall'aula dopo che ha dato in escandescenze contro la corte.

   

  

Mladic, tra le altre cose, era accusato di essere stato alla testa dei soldati che hanno commesso le peggiori atrocità commesse durante il conflitto, come l'assedio di tre anni di Sarajevo e il massacro di ottomila musulmani nell'enclave di Srebrenica del luglio del 1995, la peggiore esecuzione di massa in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale. Il tribunale dell’Aia ha riconosciuto l’“importante contributo” di Mladic al massacro di Srebrenica. In quell’occasione le milizie serbo-bosniache occuparono la città, dove aveva trovato rifugio migliaia di bosniaci musulmani, perseguitati dai serbo-bosniaci. Mladic ordinò il massacro di tutti i maschi adulti e adolescenti. Per arrivare alla condanna ci sono voluti venticinque anni d’attesa, quindici di latitanza e quattro di processo, trecento testimoni, diecimila elementi di prova. Il suo caso è l'ultimo del tribunale.

   

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    22 Novembre 2017 - 20:08

    Rompergli le scatole ora che finalmente è riuscito a godersi la pensione mi pare una barbarie . Una giustizia che arriva dopo 20/30 è il massimo della ingiustizia .Lo sanno tutti anche im bambini .Non è caso che spesso certi nostri giuristi o magistrati quando fanno i giureconsulti o i giudici apparono con il cervello di bambini.luigi

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    22 Novembre 2017 - 14:02

    Sarebbe un accanimento condannarlo a vedere e rivedere incessantemente i video della sua "opera"?

    Report

    Rispondi

Servizi