cerca

In Colombia è caccia aperta a Megateo

E' scattata un'operazione imponente per catturare Víctor Ramón Navarro, un capo guerrigliero che è considerato uno de maggiori narcotrafficanti del paese

22 Agosto 2015 alle 06:02

In Colombia è caccia aperta a Megateo

Megateo con altri combattenti dell'Epl

Dopo quello che era sembrato un iniziale possibilismo, la sala stampa vaticana ha seccamente smentito la possibilità di un incontro tra le Farc e Papa Francesco in occasione della sua prossima visita a Cuba. “Nell'agenda papale non è previsto”, ha detto il vicedirettore Ciro Benedettini, dopo che il negoziatore della guerriglia Antonio Lozada aveva avanzato la richiesta. L’intero vertice delle Farc è stato condannato in primo grado per l’assassinio nel 2002 dell’Arcivescovo di Cali Isaías Duarte Cancino, anche se poi la condanna è stata annullata in secondo grado. Un colpo di mortaio delle Farc su una chiesa provocò anche i 79 morti della strage di Bojayá per cui le stesse Farc hanno ammesso la propria responsabilità e chiesto perdono. Ma la chiesa si è impegnata nella mediazione per il processo di pace e i contatti sono in corso.

 

Un conto però è una mediazione per porre termine a una guerra civile interminabile, un conto è invece, organizzare un incontro che per le Farc sarebbe uno spot simile a quello messo in piedi da da Rafael Correa e Evo Morales in occasione della visita del Pontefice, in un momento in cui il conflitto armato in Colombia è ancora in corso e le Farc sono accusate di attività terroriste e criminali di tutti i tipi. Proprio in questi giorni, in particolare, 350 soldati sono impegnati un una gigantesca caccia a  Víctor Ramón Navarro, alias “Megateo”, un capo guerrigliero che è considerato uno de maggiori narcotrafficanti del paese.

 

[**Video_box_2**]Il 39enne Megateo faceva parte dell’Epl, un gruppo armato maoista rivale delle filo-sovietiche Farc. Ma dopo che nel 1991 il grosso del gruppo cessò la lotta armata lui restò alla testa di un nucleo di irriducibili, che col tempo si è sempre più collegato alle Farc proprio nel nome del narcotraffico. L’operazione per catturarlo è iniziata domenica ed è considerata vitale per rimettere ordine a Catatumbo, una zona del nord-est colombiano che è tra le poche dove ancora i gruppi armati sono ancora in grado di impensierire, anche perché sono capaci di controllare i flussi verso il vicino Venezuela.  Megateo, su cui gli Stati Uniti hanno posto una taglia da 5 milioni di dollari, è riuscito a scampare già a una decina di operazioni del genere. In particolare, nel 2006, è riuscito a farla franca dopo che i suoi uomini erano riusciti a far saltare in aria un camion uccidendo 17 persone tra militari e agenti del servizio di intelligence Das. Lui stesso in un’intervista che concesse nel 2013 ammise che riscuoteva dai coltivatori di coca una “tassa” equivalente a 130 dollari al chilo.

 

Anche stavolta sembra svanito nel nulla. Come si è ricordato, lui formalmente è dell’Epl, ma opera nella sua zona in stretto collegamento con uomini delle Farc e dell’Eln.  Le forze di polizia, dunque, non si sentono vincolate dal cessate il fuoco unilaterale che le Farc dicono di aver stabilito da un mese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi