cerca

Il M5s alla prova nucleare

Il sottosegretario all'Energia Crippa annuncia "entro sei mesi" la pubblicazione dei siti idonei a ospitare il deposito di scorie italiano

21 Febbraio 2019 alle 21:02

Il M5s alla prova nucleare

Foto Imagoeconomica

Nello stesso giorno in cui Sogin ha presentato i risultati delle attività condotte lo scorso anno, Davide Crippa, sottosegretario all'Energia del ministero dello Sviluppo economico, ha detto all'agenzia Askanews che l'elenco dei siti idonei a ospitare i rifiuti nucleari sarà pronto nel giro di sei mesi. Si tratta di un documento necessario per determinare dove costruire il deposito nazionale, un'opera attesa da anni che servirà a stoccare le scorie che Sogin va raccogliendo nelle vecchie centrali nucleari italiane in dismissione. Il documento di cui parla Crippa è pronto dal 2015 ma fermo nelle stanze dei ministeri competenti, Ambiente e Sviluppo economico. La sua pubblicazione aprirà due anni di confronto con le comunità locali delle zone individuate, dopo i quali dovranno essere stabiliti i siti definitivi per ospitare i rifiuti. A dicembre Desiata aveva detto di "essere al limite" per riuscire a realizzare il deposito senza sforare i costi già in preventivo. "Ora siamo ancora un po' più al limite", ha chiarito, e per questo ha invitato "la politica a prendere una decisione se vuole ottimizzare le risorse economiche pubbliche". 

   

Non è la prima volta che si annunciano imminenti pubblicazioni della Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee per i rifiuti nucleari (Cnapi), ma questa volta la scadenza dei contratti per il riprocessamento dei rifiuti italiani – svolto in Francia e Regno Unito – è molto vicina, nel 2025. Se il tempo indicato dal sottosegretario Crippa sarà disatteso, Sogin potrebbe dover ricalcolare le spese previste per mantenere i rifiuti all'estero, un costo che si spalmerebbe sulle bollette dell'energia elettrica di tutti gli italiani. I due anni di dibattito pubblico che seguiranno alla pubblicazione della Cnapi, ha detto Desiata, potrebbero anche essere più brevi se un territorio si candiderà a ospitare il deposito. Un'eventualità che appare poco probabile viste le opposizioni locali che si prevedono di fronte a un progetto del genere.

      

Intanto, prima che il governo licenzi la Cnapi, a giugno scadrà il mandato degli attuali vertici di Sogin. Pochi mesi fa c'è stato un tentativo di commissariamento della società, poi lasciato cadere nel vuoto. "La continua gestionale – ha detto oggi Desiata – è un fattore utile per progettare piani di lungo termine", mentre fino a oggi i vertici sono stati cambiati piuttosto di frequente. La società ha presentato conti in ordine, con 80,4 milioni di euro spesi per avanzare nei lavori e 5 milioni di utile, risultati in crescita rispetto all'anno precedente. La prossima settimana sarà inoltre discusso il piano industriale per i prossimi quattro anni durante un incontro al Mise, al momento le previsioni terranno in considerazione la scadenza dei contratti con Francia e Inghilterra nel 2025. 

   

Gestire la delicata situazione sarà un banco di prova per il M5s, che amministra sia l'Ambiente sia il Mise: l'importanza di procedere con l'opera mal si concilia con le propensioni del movimento a spalleggiare i "no" dei vari comitati. Crippa ha tenuto a specificare che il governo sta procedendo a nuove verifiche prima di dare il via libera: "Rispetto alla mappa dei siti che doveva essere pronta e pubblicata c’erano dei requisiti di natura sismica che sono a nostro avviso molto preoccupanti, nel senso che vengono considerati idonei alcuni siti con classificazione sismica 2 – ha chiarito il sottosegretario – È una preoccupazione di tipo sociale e di messaggio che il governo vuole trasmettere alla propria cittadinanza". Le verifiche serviranno per "non creare allarmismi ingiustificati e poter parlare apertamente con la popolazione senza che qualcuno giustamente possa lamentare una mancata salvaguardia dal rischio sismico”. Speriamo che basti. 

Maria Carla Sicilia

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi