cerca

Fornero risponde a Barbagallo: "Le sue parole istigano alla violenza"

L'ex ministro commenta le dichiarazioni del segretario generale della Uil, che l'aveva accusata di lavorare per le multinazionali: "Da lui affermazioni irresponsabili"

6 Dicembre 2017 alle 15:22

Fornero replica a Barbagallo: "Le sue parole istigano alla violenza"

Elsa Fornero (foto LaPresse)

“Le parole di Barbagallo sono irresponsabili, il linciaggio mediatico oggi è inaccettabile anche perché istiga al rancore e alla violenza”. Così la professoressa Elsa Fornero, dopo l'articolo del Foglio, ha commentato alcune dichiarazioni del segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo. “Mentre la manifestazione della Cgil è stata una manifestazione civile anche negli slogan – ha detto l'ex ministro del Lavoro ospite a “Di martedì” di Giovanni Floris – debbo dire che non è stato così per altre manifestazioni pubbliche di altri sindacalisti. Alludo in particolare a certe affermazioni, che francamente ho trovato irresponsabili, di Barbagallo. Che certo, sono al di là delle sue intenzioni, ma le parole pesano. Certe parole di Barbagallo – ha concluso Fornero – sicuramente non fanno onore al lui e al suo sindacato”.

 

Le accuse sconsiderate di Barbagallo (Uil) e la dignità della Fornero

Le parole del segretario generale portano con sé un grande carico di aggressività e drammaticità. Soprattutto perché escono dalla bocca di chi rappresenta una storia che ha versato tributi di sangue per aver toccato i fili ad alta tensione del lavoro

 

Barbagallo, durante un'assemblea pubblica della Uil di pochi giorni fa, aveva dichiarato: “Chiediamo una nuova governance dell’Inps e siccome Monti, Fornero e Boeri rispondono agli interessi delle multinazionali internazionali, è meglio che se ne vadano all’estero a lavorare”.

 

Finora né Barbagallo né la Uil hanno commentato la vicenda.

 

“Le parole di Barbagallo – ha scritto Luciano Capone sul Foglio – pronunciate in maniera così spensierata e passate sotto silenzio per assuefazione o disinteresse, portano con sé un grande carico di aggressività e drammaticità. Soprattutto se escono dalla bocca di un sindacalista, che rappresenta milioni di persone e dovrebbe rappresentare una storia, quella del riformismo, che ha versato tributi di sangue per aver toccato i fili ad alta tensione del lavoro: Gino Giugni, Ezio Tarantelli, Antonio Da Empoli, Massimo D’Antona, Marco Biagi. Proprio l’omicidio di Biagi fu preceduto da una lunga criminalizzazione, dalle accuse di tradimento e di collateralismo con Confindustria, dalle pesanti critiche del segretario della Cgil Sergio Cofferati. Le accuse di Barbagallo vanno addirittura oltre: i tre professori vengono accusati di essere traditori della patria, al servizio degli stranieri, tra l’altro usando una formula che ricorda quella brigatista dello 'Stato imperialista delle multinazionali' . In un paese piegato dalla crisi e avvelenato dal rancore, è una fortuna o un miracolo che non ci siano episodi di violenza politica”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    06 Dicembre 2017 - 18:06

    C'era una volta il dirigente sindacale colto, educato, dignitoso dotato di senso civico. Oggi va di moda l'ignorante, sbracato,cafone, mistificatore, doppiogiochista, arruffone, approfittatore ed anche un cincin in ladro.

    Report

    Rispondi

  • Stef4284

    06 Dicembre 2017 - 17:05

    Fornero e monti all'estero ce li dovremmo mandare ma a lavorare !!! Insieme a loro pd e forza Italia che li hanno votati e Cgil Cisl e Uil che non hanno mosso un dito...Barbagallo parla adesso...!!!

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    06 Dicembre 2017 - 15:03

    Che il personaggio sia alquanto "grezzo" con quell'accento pesantemente siculo e costantemente minaccioso è risaputo, ma ormai in Italia vanno di moda questi fenotipi.

    Report

    Rispondi

Servizi