Draghi e il pericoloso alibi della ripresa

L’incoraggiante crescita europea non sia il carburante del Partito dell’attesa

18 Novembre 2017 alle 06:00

Il pericoloso alibi della ripresa

LaPresse/Reuters

La crescita economica dell’Eurozona si è rafforzata nel terzo trimestre segnando un aumento del 2,5 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente – il livello più alto da inizio 2011. Il dato sul pil, pubblicato questa settimana, supera quello degli Stati Uniti (2,3) e del Regno Unito (1,6) nelle more della Brexit. Il beneficio deriva dalle solide performance di Francia e Italia e dalla ripresa robusta in Spagna, Austria e soprattutto in Germania che, con una crescita dello 0,8 per cento sul secondo trimestre, conferma di essere bastione d’Europa. La fiducia delle imprese e il mercato del lavoro in Germania sono in continuo miglioramento e si intravedono aumenti dei salari. Le prospettive sono insomma incoraggianti. IHS Markit, società di consulenza inglese, ha migliorato le previsioni di crescita del pil dell’Eurozona al 2,4 per cento per quest’anno e al 2,1 nel 2018. Le sfide politiche ed economiche tuttavia persistono e non possono essere ignorate auto-compiacendosi del progresso – dal 2019 in poi è probabile che la crescita mondiale decelererà. Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, è stato netto su questo punto durante la conferenza “Politica monetaria e le prospettive per l’economia”, ieri a Francoforte. “Mentre la ripresa procede, ora è il momento giusto per l’area euro. Significa mettere le nostre case fiscali in ordine e costruire protezioni per il futuro – non solo aspettare che la crescita riduca gradualmente il debito”. Le parole di Draghi, in modo istituzionale, fanno eco a quelle del vicepresidente della Commissione, Jyrki Katainen, considerate un affronto dai media. Martedì Katainen aveva detto all’Italia di non scostarsi dal contenimento della spesa per motivi elettorali, come l’ennesimo intervento sulle pensioni in legge di Bilancio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    18 Novembre 2017 - 08:08

    Renzi, il Pd e Padoan hanno fin qua ritenuto che ridurre il debito, ovvero tagliare le spese, si traducesse in una riduzione di voti. L’esperienza dimostra che invece accade il contrario: a non ridurre spesa e debito i voti si perdono perché c’e’ chi capisce che così si ingrossa solo il fardello del futuro, tutto sulle fragili spalle dei nostri figli.

    Report

    Rispondi

Servizi