cerca

Gli attentati nello Sri Lanka e il terremoto nelle Filippine

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati per voi da Giuseppe De Filippi

22 Aprile 2019 alle 17:48

Gli attentati nello Sri Lanka e il terremoto nelle Filippine

Trovate nuove bombe e nuova esplosione a Colombo (foto LaPresse)

Ultimi aggiornamenti dallo Sri Lanka dove come si temeva l'ondata di attacchi terroristici non è finita e palesemente si sta caratterizzando come una strategia con obiettivi di medio periodo.

 

 

Il terrorismo molto organizzato nello Sri Lanka che da qui non riusciamo a capire facilmente con i nostri schemi abituali.

 

 

Qualche spiegazione.

 

 

Un forte terremoto con vittime nelle Filippine.

 

  

La neo presidente slovacca liberale ed europeista si congratula con Zerensky, il comico appena diventato presidente ucraino.

 

 

I fantastici candidati leghisti, partito di governo, nelle prossime irreali elezioni europee.

 

 

Piano piano arriveranno anche gli italiani, funziona sempre così.

 

 

Le privatizzazioni e la vendita di patrimonio immobiliare sono ferme, dall'estero osservano, registrano e fanno sapere agli investitori.

  

 

Dice Salvini che vuole evitare le elezioni anticipate, ma cosa vuol dire esattamente?

 

 

Allora si celebra, con toni religiosi, la nuova fede. Attenzione però, stiamo avvertiti, perché col dogmatismo di Greta e seguaci si torna indietro, si torna a quelle che Marquard chiamava "guerre civili ermeneutiche" per definire le guerre di religione. Con un peggioramento, perché la predicazione ambientalista, specialmente nella sua declinazione climatica, non ammette discussione né confronto. Un drappello sostiene che sta per finire il mondo e che ciò succede per colpa di altri esseri umani ben identificati o identificabili. La logica conseguenza saranno azioni violente contro chi è accusato di distruggere il mondo. In più Greta salda l'allarme ambientale senza appello alla denuncia dell'arricchimento di pochissimi, come dice sempre, a scapito delle condizioni di sopravvivenza del pianeta. Così il discorso anti capitalistico marxista riprende vigore sotto altri panni e si rafforza con tesi dogmatiche e allarmistiche. Il rischio che qualcuno passi ai fatti usando la violenza fisica dopo quella verbale è molto alto.

 

 

Ahia.

 

 

Il discorso anti Facebook che ha convinto.

 

  

Oggi parliamo anche di consigli per gite

 

 

Il tempaccio della Pasqua e pasquetta, ne avrete parlato se non ne parlate ora.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi