cerca

La battaglia di Calenda su Embraco e i taxi volanti di Uber. Di cosa parlare stasera a cena

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati da Giuseppe De Filippi

20 Febbraio 2018 alle 18:46

Il giusto impegno di Calenda su Embraco e i taxi volanti di Uber. Di cosa parlare stasera a cena

Carlo Calenda (foto LaPresse)

Il tweet del giorno fa da contrasto all'inizio della newsletter

 

 

Tutto giusto nell'impegno del ministro Carlo Calenda per tentare disperatamente di tutelare il lavoro all'Embraco, ma c'è anche una sensazione di eccesso, di sproporzione. Le delocalizzazioni, anche di aziende italiane, non sono una novità. Purtroppo succedono e si sa che per certi settori dalle nostre parti le produzioni non sono sempre competitive. E infatti, alla fine, le minacce ministeriali sono sfociate in una richiesta alla commissaria Margaret Vestager perché controlli la compatibilità della offerta slovacca (in Slovacchia come è noto si trasferirà l'attività) con le norme sugli aiuti di Stato. Insomma, una procedura ordinaria. Puntuta, ruvida se volete, ma ordinaria. Se ne parli a cena, non solo per cogliere la bravura di un ministro sempre capace di personalizzare in modo proficuo le sue battaglie ma anche per ragionare su come mantenere i benefici del grande mercato europeo contemperandoli con gli inevitabili effetti delle mosse concorrenziali. Anche negli Stati Uniti ci si sfida a colpi di gentilezze per chi mette impianti produttivi, l'Italia, semmai, ha un passato non proprio encomiabile nell'accoglienza degli investitori. Ma queste sono cose che certamente non si potrebbero mai addebitare a Calenda

  


 

La campagna elettorale a cena inevitabilmente si intrufola e finisce per permeare tutti i discorsi. Oggi concentriamoci sul record di stucchevolezza, certamente da attribuire agli amici di LeU grazie alle loro intemerate, tutte uguali, contro Emma Bonino. Gli argomenti hanno un valore politico pari a zero, roba come "dice di essere per Gentiloni ma in realtà aiuterà Renzi" oppure "è amica della destra". Ma il punto non è tanto nel loro contenuto, quanto nella ripetizione seriale delle stesse accuse e quasi delle stesse parole da parte di diversi dirigenti di LeU. Roma seriale, roba da 5 stelle che "fanno girare". Scherzare sulla roccocasalinizzazione della ex ditta:

 


 

Si era detto che Gomorra poteva generare il rischio di emulazione, cioè indurre giovani a tentare la strada della malavita e della violenza camorristica. A essere emulati, però, come sfugge candidamente al capo politico dei 5 stelle Luigi Di Maio, sono stati gli sceneggiatori. Emulati da giornalisti:

 


 

Storie di spie, sempre buone per cena. Nella relazione dei servizi di sicurezza si segnalano oltre alle questioni riguardanti il terrorismo, i rapporti internazionali, le minacce interne, anche i rischi di perdita del patrimonio tecnologico nazionale. Ma la soluzione proposta non è, come prevedibile, un sano controspionaggio ma un più ordinario uso del cosiddetto golden power, cioè del potere di veto attribuito all'azionista statale nelle assemblee societarie. Insomma, più Iri che 007

  

Un classico della conversazione a perdere, che a cena va benissimo, il taxi volante. Se poi sei Uber puoi pure fare il gradasso e indicare una data per l'inizio del servizio. E qui via con le battute sulla nota flessibilità lavorativa dei tassisti

 

La fine dei polli e KFC chiude, succede in UK, parlarne a cena con la dovuta apprensione

 


  

In Germania fiere proteste contro le partite di calcio il lunedì sera

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    20 Febbraio 2018 - 19:07

    Le delocalizzazioni non le puoi evitare se non sei competitivo. Questo non vuole solo dire che devi abbassare i salari che sono già al minimo di sopravvivenza ma rivedere il contesto generale. Cioè abbassare i costi generali per vivere. Rivedere gli affitti, il costo dei generi alimentari, le tasse, altrimenti Calenda o non Calenda non se ne esce. Insomma rivedere il costo della vita, imporre risparimi dove è possibile e si può. I sindacari sono morti per morte naturale e pure in ritardo. La difesa del posto di lavoro non ha senso se non sei competitivo lo stato non deve intervenire con soldi per sostenere aziende che come finisce il sussidio se ne vanno. Rivedere il sistema paese fuori sopravvivenza è compito dello stato dove tutto è gonfiato e non adeguato alla realtà. Questo deve fare lo stato ma non lo ha mai fatto e mai preso in seria considerazione.

    Report

    Rispondi

Servizi