flambus

Calenda's burning

"Sono appena andato a fuoco insieme a un autobus", scrive sui suoi canali social il candidato a sindaco di Roma, riferendosi l ò manifesto della sua campagna era esposto sul retro di un bus Atac bruciato

    Sui suoi canali social, il candidato a sindaco di Roma, Carlo Calenda, ha postato la foto del mezzo Atac della linea 2 che questa mattina alle dieci ha preso fuoco, e ha scritto: "Sono appena andato a fuoco insieme a un autobus". Il riferimento è al manifesto della campagna elettorale bruciato che era esposto sul retro del bus. Sul caso è intervenuto anche il sindacalista Claudio De Francesco di Faisa Sicel che parla di "sicurezza zero" con l'amministrazione capitolina he fa solo "spot propagandistici mentre l'azienda affonda".

     

    L'autobus è andato a fuoco all'altezza del palazzo della Marina del ministero della Difesa, tra lungotevere delle Navi e via Flaminia, tra via Domenico Alberto Azuni e via Gaetano Filangieri. Il conducente è riuscito a far scendere in tempo i passeggeri prima delle fiamme. "Per ragioni da accertare, mentre viaggiava all'altezza di via Azuni si è sviluppato un incendio su un bus in servizio sostitutivo della linea 2. L'autista ha provato a spegnere le fiamme e poi ha allertato i vigili del fuoco. Non ci sono stati problemi per le persone. La vettura era in servizio da 17 anni", scrive Atac in una nota.