L'Inter, Rafinha e i lamenti di Spalletti. Valli a capire i cinesi

Dopo l'1-1 con la Roma l'allenatore nerazzurro ha detto parole che all’epoca morattiana sarebbero valse un esonero. Contro i giallorossi però gli interisti avrebbero meritato di vincere

23 Gennaio 2018 alle 13:13

L'Inter, Rafinha e i lamenti di Spalletti. Valli a capire i cinesi

Foto LaPresse

Come poteva essere la partita sotto il gelo della notte siderale tra due squadre che erano partite bene ma zoppicano, anzi giocano davvero male? Brutta, chiaro.

 

 

Ma cosa importa, la vera partita era tra due mister che erano partiti bene ma hanno finito la benza, e che sono soprattutto due antropologie diverse. Sun Tzu Lucianone Spalletti è carattere patafisico e fumantino. A Raisport ha detto parole che all’epoca morattiana sarebbero valse un esonero: “Io non mi sono mai lamentato con questa società, e avrei pure qualche possibilità per farlo. Le potenzialità iniziali non sono state portate a termine e abbiamo smesso di fare il mercato. Nel mezzo serve il giocatore di spessore”. Eusebio Di Francesco ha l’aria del manager delle risorse umane di una controllata di stato. E’ riuscito a dire: “Abbiamo commesso un errore e l’Inter ci ha punito”.

 

Ora, la partita è stata brutta. Però, alle cronache: possesso palla 56% Inter; tiri 16 a 5 per l’Inter; in porta, 8 a 1 per la stessa. Migliore in campo, secondo la media ponderata delle pagelle – solitamente vergate in stato d’ebbrezza, soltanto che quando a bere era Gianni Brera, venivano meglio – il portiere della Roma Alisson. Qualcosa vorrà dire, no? Peraltro Alisson è anche l’autore del rilancio-assist ciccato come manco alla scapoli-ammogliati da Bambino Santon.

 

E’ finita pari, ma la sfida tra i due coach è piuttosto chiaro che l’ha persa: il manager piangino. Però, intanto che il ministro della Difesa Spalletti – che ormai ha una difesa che balla come manco a “Dance Dance Dance” – smoccolava a bordo campo, a Linate sbarcava Rafinha, che dovrebbe essere appunto “il giocatore di spessore”. Un giocattolino rotto da 35 milioni in prestito. E valli a capire, questi cinesi, ma valli proprio a capire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi