cerca

De Mita, Berlinguer e l'avversario che resta sempre "un giocatore di poker"

“E’ un giocatore di poker”. Non è la cosa più pesante che Ciriaco De Mita dica di Matteo Renzi nella sua intervista ad Antonello Caporale sul Fatto di domenica, ma è una citazione di Enrico Berlinguer. Per la verità il segretario del Pci aggiunse un aggettivo quando definì Bettino Craxi “un buon giocatore di poker”.

1 Novembre 2016 alle 06:18

De Mita, Berlinguer e l'avversario che resta sempre "un giocatore di poker"
“E’ un giocatore di poker”. Non è la cosa più pesante che Ciriaco De Mita dica di Matteo Renzi nella sua intervista ad Antonello Caporale sul Fatto di domenica, ma è una citazione di Enrico Berlinguer. Per la verità il segretario del Pci aggiunse un aggettivo quando definì Bettino Craxi “un buon giocatore di poker”. Era il 1983 e in tv Berlinguer, ospite del programma di RaiDue “Mixer”, rispondeva alle domande di Giovanni Minoli che lo sollecitò anche su Ciriaco De Mita che il segretario del Pci descrisse così: “Una persona astuta, anche intelligente, ma un po’ imbonitore”. Sono passati 33 anni. Trentatré. De Mita “astuto, intelligente e imbonitore”, dopo il confronto televisivo con Renzi, raccoglie consensi, almeno sui social network, da chi apprezza Berlinguer senza mai averlo visto e sentito. L’avversario resta sempre “un giocatore di poker”. A pensarci appena un poco non si potrebbe trovare una immagine più chiara dell’immobilismo della situazione politica del nostro paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi