cerca

I vescovi italiani contro la legge sul fine vita: “È radicalmente individualistica”

I dubbi del cardinale Bagnasco sul provvedimento all’esame del Parlamento: “Si trasforma il medico in un notaio". Critiche alla pratica dell'utero in affitto e alla diffusione delle teorie gender, una "colonizzazione ideologica"

20 Marzo 2017 alle 18:59

I vescovi italiani contro la legge sul fine vita: “E’ radicalmente individualistica”

Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana (LaPresse)

Roma. “La legge sul fine vita, di cui è in atto l’iter parlamentare, è lontana da un’impostazione personalistica; è, piuttosto, radicalmente individualistica, adatta a un individuo che si interpreta a prescindere dalle relazioni, padrone assoluto di una vita che non si è dato”. A dirlo, nella prolusione del Consiglio episcopale permanente della Cei in corso a Roma fino a dopodomani, è stato il cardinale Angelo Bagnasco, confermato alla guida dei vescovi italiani fino alla prossima assemblea elettiva di maggio. “In realtà – ha detto l’arcivescovo di Genova – la vita è un bene originario: se non fosse indisponibile tutti saremmo esposti all’arbitrio di chi volesse farsene padrone. Questa visione antropologica, oltre a essere corrispondente all’esperienza, ha ispirato leggi, costituzioni e carte internazionali, ha reso le società più vivibili, giuste e solidali”.

 

Per quanto attiene all’accanimento terapeutico, “di cui non si parla nel testo”, “è acquisito che è una situazione precisa da escludere, ma è evidente che la categoria di ‘terapie proporzionate o sproporzionate’ si presta alla più ampia discrezionalità soggettiva, distinguendo tra intervento terapeutico e sostegno alle funzioni vitali”.

 

Dubbi anche sul ruolo che rivestirebbe il medico: “Si rimane sconcertati anche vedendo il medico ridotto a un funzionario notarile, che prende atto ed esegue, prescindendo dal suo giudizio in scienza e coscienza; così pure, sul versante del paziente, suscita forti perplessità il valore praticamente definitivo delle dichiarazioni, senza tener conto delle età della vita, della situazione, del momento di chi le redige: l’esperienza insegna che questi sono elementi che incidono non poco sul giudizio. La morte non deve essere dilazionata tramite l’accanimento, ma neppure anticipata con l’eutanasia: il malato deve essere accompagnato con le cure, la costante vicinanza e l’amore. Ne è parte integrante la qualità delle relazioni tra paziente, medico e familiari”, ha concluso Bagnasco.

 

Parole dure anche riguardo la pratica della maternità surrogata, "comunemente chiamata 'utero in affitto'. In questo caso– ha detto il presidente della Cei – avviene una duplice ingiustizia: innanzitutto è violata la Dichiarazione dei diritti del fanciullo (1959), che recita: 'Salvo circostanze eccezionali, il bambino in tenera età non deve essere separato dalla madre'. Inoltre, sono negati i diritti delle madri surrogate, che diventano madri nascoste, anzi inesistenti, dopo essersi sottoposte – spinte per lo più dalla povertà – ad una nuova forma di colonialismo capitalistico: si commissiona un bambino, potendosi servire anche di elenchi – si fa fatica perfino a dirlo – di 'cataloghi' che indicano paesi, categorie di donne, opzioni e garanzie di riuscita del 'prodotto' che – se non corrisponde – viene scartato. E' questa la civiltà, è questo il progresso che si desidera raggiungere?".

 

Nel testo della Prolusione uno spazio rilevante è stato dedicato alla diffusione delle teorie gender: "Non di rado accade, in alcuni paesi europei, che, con motivazioni condivisibili, si trasmettano visioni e categorie che riguardano la cultura del gender, e si banalizza la sessualità umana ridotta a un vestito da cambiare a piacimento". Bagnasco ha citato il Papa, che "denuncia quello che chiama 'indottrinamento della teoria del gender', per cui – dice – che 'fare l’insegnamento nelle scuole su questa linea per cambiare la mentalità' è una inaccettabile 'colonizzazione ideologica'".

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • angelo2002

    21 Marzo 2017 - 16:04

    Il Cardinale non ha espresso solo "critiche" all' utero in affitto. Ma una radicale condanna. Giocate a fare i pompieri?

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    20 Marzo 2017 - 21:09

    Tardi, troppo tardi cardinale, ma ne parli con Galantino, lui troverà il modo per tranquillizzarla (sic!).

    Report

    Rispondi

Servizi