cerca

#Giùlemanidagliappelli, così gli studenti dimostrano che il '68 è finito

Proteste sui social contro lo sciopero dei docenti che farà saltare gli esami da giugno a settembre. L'esatto contrario di quello che succedeva 50 anni fa

18 Maggio 2018 alle 16:45

#Giùlemanidagliappelli, così gli studenti dimostrano che il '68 è finito

Un corteo di studenti nel 1968

Giù le mani dalla Juventus, giù le mani dagli animali, giù le mani dagli arrosticini… Eccolo! Sfogliando i social network sono alfine riuscito a imbattermi in #giùlemanidagliappelli, l’hashtag sotto il quale gli studenti universitari hanno lanciato una foto-petizione contro lo sciopero dei docenti che farà saltare gli esami da giugno a settembre. Prendono un cartellone e si fanno scattare una foto segnaletica dopo averci scritto i motivi per cui privarli degli appelli estivi è ingiusto: perché si mancano le scadenze per le borse di studio, perché si danneggiano gli studenti lavoratori, perché è uno sciopero contro un governo che non c’è, perché non sta né in cielo né in terra che chi gode di tanti diritti si rifaccia su chi non ne gode nessuno.

  

 

Chi è ragionevole giudicherà da che parte stia il torto ma, intanto, una cosa bisogna notare: il Sessantotto è davvero finito. Sopravvivono i suoi ultimi rantoli nei comunicati sindacali dei docenti ma gli alunni, che cinquant’anni fa furono il motore della protesta, rischiano oggi di diventarne gli affossatori. Non solo perché hanno ben chiare le priorità, perché vogliono sbrigarsi a fare esami anziché bivaccare, perché trovano che le proteste siano una perdita di tempo e si pongono nei confronti dell’università dalla prospettiva del cliente che compera servizi e non tollera che uno sciopero glieli interrompa. Gli studenti sono i nuovi filistei perché, ritenendo di aver subito un torto, non sono scesi nelle piazze a protestare né hanno fatto irruzione nei dipartimenti onde rovesciare il cestino delle cartacce in testa a qualcuno – tanto meno hanno optato per l’atto di resistenza di non pagare la rata di tasse corrispondente al periodo in cui si salteranno gli appelli – ma si sono rinchiusi in casa, davanti al computer, a mostrare uno sdegno altezzoso e simbolico. Mezzo secolo dopo il Sessantotto, gli studenti sono proprio invecchiati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Maggio 2018 - 11:11

    Dopo 50 anni esistono due '68 . Uno raccontato e uno fotografato e in video. Non si somigliano per nulla anzi sono in contraddizione. E poi e poi ,non fu il padre del terrorismo ? .In Italia quasi inestirpabile ( ancora oggi esistono cellule latenti ,chiedere alla Digos) , ma attraversò anche l'America sfiorò la Francia e fu feroce in Germania .Altri paesi avevano i proprio autoctoni. La saggezza degli antichi romani avvertiva che l'uomo è lupo all'uomo,oggi si imbrogliano i bambini che i mariuoli sono solo campagni che sbagliano.

    Report

    Rispondi

Servizi